0 00 2 min 6 anni 136

Arriveremo a fare più puntate di beautiful se continuassimo a soffermarci zona per zona, per questo abbiamo deciso di rivolgere una panoramica più ampia alla nostra serie che più odiamo, ossia “Monnezzopoli” – in viaggio fra la spazzatura.
Prima tappa in via Sauda e via dell’Oliveto, zona periferica al confine con il comune di San Nicola la Strada. Vicino ai fondi agricoli, immondizia di ogni genere, fra cui rifiuti speciali come pneumatici. Gli sversamenti più importanti sotto il cavalcavia della rete ferroviaria. C’è anche un materasso matrimoniale, forse l’immagine di una storia d’amore finita male.
via dell'oliveto 2 via dell'oliveto via sauda 2 via sauda
Abbiamo proseguito la marcia recandoci in via Appia, zona Lo Uttaro. Monitor, tv, frigoriferi, mobili e tanta immondizia. Forse la coppia che gentilmente ha donato il proprio materasso, ha sversato il resto della mobilia e dell’arredo sfogando la rabbia repressa per il divorzio a discapito di una zona già fortemente martoriata in passato… ed effettivamente lo è ancora.
via appia 2 via appia 3 via appia 4
Infine abbiamo concluso il nostro tour domenicale in via Matilde Serao. Chissà cosa avrebbe pensato la nota scrittrice a proposito delle foto sottostanti. Qui, però, abbiamo intuito che gli sversamenti siano stai eseguiti da persone che evidentemente non sono in grado di leggere o capire la lingua italiana; quindi stranieri (poco probabile) o sottosviluppati (sicuramente). Perchè? Semplice, a ridosso dell’scuola materna, c’è un vistoso striscione che recita “Questa è la nostra scuola, non la vostra discarica”. Niente da fare, gli effetti sperati non hanno sortito risultati. Presi d’assalto gli eco compattatori Garby e discarica a cielo aperto all’interno delle palazzine IACP, proprio a pochi metri dalle stanze da letto dei residenti.
via serao 2 via serao 3 via serao