0 00 3 min 2 settimane 136
Ieri la bocciatura da parte della Co.Vi.So.C., complicato che anche questo ricorso della società rossoblù possa essere accolto: nel frattempo i dubbi sul futuro

Non si arrende Giuseppe D’Agostino: dopo la decisione della Co.Vi.So.C. di respingere il ricorso della Casertana contro l’esclusione dalla Serie C, il club rossoblù decide appellarsi al Collegio di Garanzia del Coni. Una strada anche questa di difficile perseguimento, proprio come quella intrapresa ricorrendo all’organo della FIGC. Troppo rigide le norme della Lega Pro affinché le conseguenze derivanti dal loro mancato rispetto possono invertire la rotta.

Preso atto della decisione del Consiglio Federale, la Casertana FC ha dato mandato all’avvocato Mattia Grassani di predisporre nei tempi previsti il ricorso al Collegio di Garanzia del Coni“, recita in una nota la società dei falchetti. “La proprietà del club perseguirà tutte le strade possibili per tutelare i propri diritti e far valere le proprie ragioni, soprattutto in considerazione dei deplorevoli fatti che hanno caratterizzato le ultime settimane e che hanno inciso in maniera decisiva sul mancato rispetto delle tempiste previste dai regolamenti vigenti. Accadimenti che spingono il presidente Giuseppe D’Agostino a non fermarsi al cospetto del primo diniego, ma a difendere a denti stretti una categoria che questa società merita di diritto per quanto sempre dimostrato dentro e fuori dal campo“.

I FATTI

Il 28 giugno la Casertana è stata esclusa dal campionato di Serie C 2021/22. Entro quella data D’Agostino avrebbe dovuto presentare la fideiussione necessaria a garantire la partecipazione alla stagione. Cosa non accaduta (secondo D’Agostino per colpa della banca, ndr): da qui l’esclusione e il conseguente ricorso al Co.VI.So.C. Prima della verdetto negativo della Commissione di Vigilanza sulle Società di Calcio Professionistiche, il presidente rossoblù aveva depositato assegni circolare pari a 350 mila euro. Tuttavia per regolamento non sono stati ritenuti validi. E ora il ricorso al Collegio di Garanzia, anche se se le sorti della Casertana sembrano già segnate, considerate le difficoltà di accoglimento. Caserta si prepara dunque a scomparire dal calcio professionistico: possibile una ripartenza dalla Serie D, più probabile invece la partecipazione al campionato di Eccellenza.