0 00 3 min 4 settimane 535

Quando si pronunciava il suo nome non vi erano vie d’uscita, il pensiero si collegava immediatamente a quello stile televisivo garbato, educato e fatto inevitabilmente di cultura e preparazione. Non può che essere questo il ricordo immediato di Nicoletta Orsomando, la prima “signorina buonasera” della televisione italiana, l’etichetta con la quale, per quasi mezzo secolo, erano identificate le annunciatrici dei programmi RAI che, con il loro sorriso rassicurante e l’immancabile stile familiare, sciorinavano il palinsesto della TV di Stato. Nicoletta Orsomando si è spenta a 92 anni in quel di Roma dopo era ricoverata a causa di una malattia che non le ha lasciato scampo. Nella storia della televisione italiana ci sarà sempre una pagina a lei dedicata: fu il suo volto ad apparire per la prima vota nelle case dei pochissimi fortunati che nell’ottobre del 1953 possedevano già una televisione nella propria abitazione. Suo il primo storico annuncio in cui presentò un documentario per ragazzi. A partire dal 3 gennaio 1954, con l’avvio regolare delle trasmissioni televisive, Nicoletta Orsomando divenne subito la “signorina buonasera” per definizione con la sua dizione perfetta, il volto gentile e rassicurante e l’acconciatura diventata un marchio indelebile.

Nicoletta Orsomando agli esordi suglie schermi della nascente RAI

Ha fatto compagnia a milioni di italiani fino al dicembre 1993 quando andò in pensione completando una carriera che mai nessuna altra annunciatrice è riuscita ad eguagliare. Un pizzico di casertanità ha sempre accompagnato la sua vita essendo nata a Casapulla l’11 gennaio del 1929. Visse poco la provincia di Caserta a causa del lavoro del papà Giovanni, noto compositore che poco dopo la sua nascita si trasferì nel Lazio. Nicoletta Orsomando è stata una vera e propria icona nel ruolo di annunciatrice (insieme a quella generazione irripetibile che comprendeva anche Rosanna Vaudetti, Mariolina Cannuli, Maria Giovanna Elmi) e nel ruolo di sé stessa ha partecipato ed “annunciato” decine di trasmissioni cult della Rai. Da “Fantastico” a “Domenica In”, passando per “Un Disco per l’Estate” ed “Oggi al Parlamento”, senza dimenticare “Viva Radio 2…minuti” nel 2008 in cui prendeva in giro sé stessa nello show di Fiorello insieme a tante altre star dello spettacolo. Per oltre quarant’anni è stata una componente aggiunta per milioni di famiglie e il suo stile gentile e raffinato ci sembra, oggi, lontano anni luce.