0 00 2 min 2 mesi 492
Il tecnico azzurro in conferenza dopo la vittoria per 2-0 sul Venezia: “Non avevo dubbi su Insigne, nella sua carriera ha dimostrato di meritare una squadra di prima fascia come il Napoli

Un Napoli in dieci dal 23′ del primo tempo per un rosso troppo severo a Osimhen riesce a battere ugualmente il Venezia nella prima giornata di Serie A. Gli azzurri perdono anche Zielinski nella prima frazione di gara: da capire se il club partenopeo interverrà sul mercato, data già l’assenza di Demme, quando mancano 9 giorni alla fine della sessione estiva. Insigne prima manda alto un calcio di rigore, poi non sbaglia il secondo. Il gol di Elmas segna il 2-0 definitivo. “Nel primo tempo siamo partiti lenti, il Venezia è stato bravo a difendersi e a ripartire. Nel secondo invece la nostra vivacità e la qualità nel far girare palla sono stati determinanti”.

RILEGGI LA CRONACA DI NAPOLI-VENEZIA > Napoli, vittoria di orgoglio alla prima: battuto il Venezia in inferiorità numerica

Parla così Luciano Spalletti nel post della gara vinta 2-0. “Sicuramente nel primo tempo avremmo dovuto fare meglio, la partita è un contenitore che poi deve essere riempito e noi dobbiamo farlo con la qualità dei nostri giocatori. Insigne? È stato bravo a prendersi delle responsabilità in un momento determinante. Giocatori come lui danno la possibilità di crescere a chi gli sta accanto, certi comportamenti poi vengono presi ad esempio. Non avevo dubbi su Lorenzo, nella sua carriera ha dimostrato di meritare una squadra di prima fascia come il Napoli. Ha fatto bene a richiamare il pubblico: i tifosi azzurri sicuramente possono darci una mano nei momenti difficili. Noi vogliamo avere la nostra identità, la nostra forza senza lamentarci di niente”.