0 00 3 min 2 mesi 349
Dal palazzo reale vanvitelliano prende il via il 13° Giro Vespistico dei Tre Mari: partenza il 26 agosto, oltre 1000 km di tour. Cinque le tappe che toccheranno Campania, Sicilia, Calabria, Basilicata e Puglia: chiusura a Maddaloni e premiazione al Villaggio dei Ragazzi

La prima volta che l’evento motoristico di carattere storico andò in scena era il lontano 1952, poi arrivò la sospensione nel 1964. Dopo 57 anni il Vespa Club d’Italia ha deciso di riportare alla luce l’importante iniziativa sportiva: l’organizzazione, affidata ogni due anni ai Vespa Club più rappresentativi del Mezzogiorno, nacque per promuovere la neonata Vespa nel Meridione d’Italia. Questa edizione vedrà la firma del Vespa Club Raggio Calabria affiancato da quelli di Caserta, Marsala, Cosenza, Gioia del Colle, Maddaloni, Palermo, Termini I., Villa San Giovanni, Amantea, Corigliano Calabro, Barletta e Benevento.

Il 26 agosto i motori due tempi della mitica motoretta di Casa Piaggio si accenderanno davanti alla Reggia di Caserta per una gara di regolarità in cinque tappe che terminerà il 28 agosto a Maddaloni, toccando prima i tre mari del Sud Italia – Tirreno, Jonio e Adriatico. Dopo la partenza si marcerà in direzione Napoli, per imbarcarsi alla volta di Palermo e riprendere poi il viaggio su strada verso Messina. Ancora in nave fino a Reggio Calabria, per poi risalire verso Cosenza, sterzare in direzione della Basilicata e varcare i confini della Puglia. Dopo aver toccato il comune di Gioia del Colle, si risalirà verso Terra di Lavoro, a Benevento, per tagliare infine il traguardo a Maddaloni. I partecipanti saranno accolti dal Vespa Club Maddaloni, protagonisti nel 2018 della rievocazione storica del “II° Trofeo Vespistico del Mezzogiorno Caserta-Bari 1958-2018”.

Ogni tappa sarà dedicata alla memoria di un pilota che nelle storiche edizioni del Giro Vespistico dei Tre Mari ha lasciato un segno indelebile del proprio passaggio

La quinta, GIOIA DEL COLLE-MADDALONI, è dedicata ad Antonio Bernardo, pilota poliedrico e presidente onorario del Vespa Club Maddaloni fino alla sua scomparsa nel giugno 2020. Un evento sportivo, tra i più importanti del panorama Vespa, che metterà alla prova le capacità fisiche, mentali e di resistenza dei partecipanti. Provenienti da 7 diverse nazioni, saranno impegnati su lunghi e suggestivi percorsi, con gli arrivi intermedi che potranno verificarsi anche dopo il tramonto. La manifestazione si svolgerà nel totale rispetto delle normative anti-covid e del codice della strada. Al termine degli oltre 1000 km che compongono l’intero tour, domenica 29 agosto si svolgeranno le premiazioni presso la Fondazione Villaggio dei Ragazzi di Maddaloni.