0 00 2 min 2 mesi 3941
Movida shock a Caserta: il giovane era originario di San Marco Evangelista e praticava pugilato a Marcianise. È stato accoltellato alla gamba: Leone è morto in ospedale, i carabinieri hanno già individuato l’omicida

Qualche settimana fa via Giambattista Vico fu già teatro di una violenta aggressione. Ora, la strada dei locali della movida molto frequentata dai giovani casertani, torna agli onori – o meglio disonori – della cronaca per la morte di un ragazzi di appena 18 anni. La vittima è Gennaro Leone, accoltellato alla gamba in seguito ad una rissa che sarebbe scoppiata per i soliti futili motivi. Il giovane è rimasto coinvolto nella lite: inizialmente, sarebbero stati i due ragazzi a fronteggiarsi, poi gli amici dell’uno e dell’altro si sono aggiunti alla rissa. A quel punto è salato fuori un coltello: il colpo inferto dall’omicida ha reciso l’arteria femorale. Troppo il sangue perso dal ragazzo, deceduto all’ospedale Sant’Anna e San Sebastiano.

Il ragazzo ferito soccorso dagli amici

Originario di San Marco Evangelista, Leone praticava pugilato a Marcianise ed era abbastanza conosciuto nel mondo della boxe campana. Sull’omicidio avvenuto in Piazza Correra indagano i carabinieri, guidati dal capitano Pietro Tribuzio. I militari dell’Arma, secondo quanto si apprende, hanno già individuato l’omicida: si tratta di un coetaneo di Gennaro.