0 00 4 min 1 anno 352

MADDALONI – Sabato 4 e domenica 5 settembre a Maddaloni, unico centro della provincia di Caserta oltre a Caiazzo, su iniziativa del giovane Agostino di Silvestro (con il supporto di Angela Coppola e Alfonso Formato) ci sarà la raccolta firme promossa dall’Associazione Luca Coscioni che chiede l’abrogazione dell’art. 579 del codice penale, nella parte in cui vieta l’eutanasia “attiva” sul modello belga e olandese. Richiesti 500mila firmatari entro il 30 settembre, quota già raggiunta in realtà ma che bisogna aumentare in caso di firme non conteggiate o non validate, come specificato da Marco Cappato qualche giorno fa, il tesoriere dell’associazione Luca Coscioni che ha portato alla ribalta il tema dell’eutanasia seguendo la commovente vicenda del dj Fabo (“Oltre 500.000 persone hanno già firmato il referendum per la legalizzazione dell’eutanasia. E’ un risultato straordinario, se pensiamo che nessuno dei grandi capi dei grossi partiti ha finora invitato le persone a firmare, né i salotti televisivi della sera hanno fatto informazione o dibattito sul tema. E’ la dimostrazione che sulla libertà le persone sono avanti rispetto a tanta parte di quello che un tempo si chiamava “ceto dirigente”, semplicemente perché hanno vissuto direttamente, stando accanto a una persona che soffre, l’importanza di essere liberi di decidere fino alla fine sulla propria vita. Dobbiamo ancora lavorare duro per mettere al sicuro il risultato, raccogliere altre centinaia di migliaia di firme, fare rientrare i moduli, certificare, in mezzo a errori e ostacoli burocratici di ogni tipo. ma già possiamo dire che una grande impresa è stata realizzata. Un grande grazie a chi ci ha creduto, a chi ha firmato e, soprattutto, alle migliaia di volontarie e volontari che stanno riuscendo a organizzare punti di raccolta firme anche in piccoli centri oltre che nelle grandi città. Un grande abbraccio a tutte e a tutti. Per chi vuole dare un contributo, ecco il sito: https://referendum.eutanasialegale.it/dona/ ). Tra i sostenitori dell’iniziativa maddalonese anche il consigliere provinciale Angelo Campolattano che ha deciso di contribuire all’iniziativa del giovane Agostino: “Il tema della libertà è tra i più abusati in questo particolare momento storico. Siamo veramente liberi? Per esserlo dovremmo poter decidere anche della nostra vita: l’eutanasia legale è sicuramente un tema etico molto complesso che non può essere liquidato in un dibattito social. E’ per questo che ho deciso di sostenere l’iniziativa del giovane Agostino Di Silvestro che sabato 4 settembre e domenica 5 settembre sarà in piazza a raccogliere le firme per la legalizzazione dell’eutanasia. In piazza Generale Ferraro dalle 17,30 alle 20,30 di sabato e in piazza della Vittoria dalle 10 alle 13 di domenica sarà possibile firmare per la proposta, ma, allo stesso tempo, sarà possibile avere informazioni e delucidazioni. Io sarò lì a fare la mia parte e dare il contributo che merita questa sfida lanciata a Maddaloni da Agostino.” Inoltre, sarà possibile firmare presso il “Lithium Bistrot” dalle ore 20.00 di sabato 4 settembre, locale dell’imprenditore Filippo Suppa sempre presente nel sociale oltre ad aver avuto il merito di far rinascere “la piazza maddalonese” dopo molti anni di silenzio.