0 00 5 min 1 mese 203
Foto: © SSC Napoli
Alla vigilia del big match contro i bianconeri, il tecnico del Napoli parla in conferenza stampa: “Non pensiamo ad una Juventus in difficoltà, abbiamo le nostre assenze, ma dobbiamo essere pronti a superare ogni ostacolo“. Sulle Nazionali: “Creano alcuni problemi ai club, vanno trovate soluzioni

Torna il campionato, dopo la pausa per le Nazionali impegnate nelle gare di qualificazione ai prossimi mondiali in Qatar. Due i big match della terza giornata di Serie A: si comincia domani alle 18 con NapoliJuventus, si prosegue con MilanLazio domenica, sempre alle 18. Un match quello del “Diego Armando Maradona” condizionato da diverse assenze da una parte e dall’altra: gli azzurri devono rinunciare a Lobotka – infortunatosi con la Slovacchia – e al già assente Demme; da capire invece le condizioni di Zielinski, ci sarà il debutto dell’ultimo arrivato Anguissa. I bianconeri invece saranno privi di Chiesa – anche per lui infortunio in Nazionale – e dei sudamericani: Dybala, Cuadrado, Alex Sandro, Danilo e Bentancur.

A COMUNICARLO È LO STESSO TECNICO DELLA JUVENTUS MAX ALLEGRI, IN CONFERENZA PRIMA DI SPALLETTI

Fare la formazione non è difficile perché ne ho pochi, ho scelto di lasciare i sudamericani a casa. Cuadrado era l’unico che poteva venire ma non è potuto partire perché ha avuto un attacco di gastroenterite ed è in Colombia per accertamenti. De Winter, Soulé e Miretti verranno con noi e magari ci sarà spazio. Non deve essere un alibi però, cercheremo comunque di fare risultato“.

Nessuna scusa dunque per Allegri, che lancia un messaggio: “Non pensiamo al distacco in classifica, con calma arriviamo, non c’è fretta. Il campionato lo mettiamo in piedi un pezzetto alla volta. Gli obiettivi della Juventus sono sempre quelli di essere competitivi a marzo per lottare su tutti i fronti. Per quanto riguarda la squadra, è un’ottima squadra ed è normale dover crescere negli aspetti che ho detto prima. Contro il Napoli sarà sicuramente una bella partita perché incontriamo una squadra con grandi valori tecnici e in un buon momento“.

LA CONFERENZA DI LUCIANO SPALLETTI

Chi fa parte del calcio come me sognava questo tipo di partite, lo stesso vale per i giocatori del Napoli. Le gare delle Nazionali creano qualche problema ai club, sono d’accordo quando De Laurentiis dice che queste cose vanno riviste. Alcune squadre ne escono penalizzate, vanno trovate delle soluzioni“.

LO SA CHE PUO’ TROVARSI A +8 SULLA JUVENTUS?

È un giochino che non faccio, si rischia di rimetterci psicologicamente. I miei giocatori stanno bene, è ovvio che alcuni vengono dalle fatiche della Nazionale, ma sappiamo anche che vogliono dare un contributo al loro Paese. Lobotka non sta molto bene, va valutato Zielinski e anche le condizioni di qualche altro giocatore. Entro stasera decidiamo chi sarà dei nostri. Contro la Juventus non dobbiamo aver la presunzione di pensare che siano in difficoltà, ci siamo preparati ad affrontarli in base a tutte le soluzioni tattiche che adotteranno“.

COME SI MANTIENE LA CONCENTRAZIONE IN UNA PARTITA IMPORTANTE DI FRONTE A DELLE ASSENZE?

Se vogliamo diventare forti, dobbiamo avere la testa delle grandi squadre, tutti i giorni dobbiamo fare le cose che ci consentono di essere pronti ad affrontare gli ostacoli che si presentano. Ecco perché era importante avere una rosa completa. Poi ci sono degli ostacoli burocratici che ci faranno rinunciare a dei giocatori (contro il Leicester in Europa League, ndr) che andrebbero sistemate“.

COSA NE PENSA DI ANGUISSA?

Anguissa ha già fatto vedere che tipo di calciatore è in questi pochi giorni che è stato con noi. Darà un contributo importante al Napoli, ha delle caratteristiche che ci mancavano. Giuntoli è stato bravo a trovarlo. Domani sarà in campo, è pronto per giocare questa sfida. Quanto ad altri giocatori, Mertens e Gholuam si allenano, ma non sono convocabili“.

STA PENSANDO A UN CAMBIO DEL MODULO?

È una cosa che si può fare, ci siamo allenati anche in questo. Dipenderà dalle caratteristiche dai giocatori che avremo a disposizione, già lo scorso anno Gattuso impiegò il 4-2-3-1 con buoni risultati. Peccato per la mancanza di Lobotka e Demme, ma credo che abbiamo giocatori come Fabian e Anguissa che sono di livello“.

QUANTO SPALLETTI A GIÀ DATO AL NAPOLI?

Alcune cose vanno sicuramente migliorate, molto dipende dal lavoro che dobbiamo fare sul centrocampo e non abbiamo ancora tutti i giocatori disponibili. Ma ci sono anche cose che mi sono piaciute. Napoli da scudetto? È presto per parlarne“.