0 00 2 min 2 giorni 123

MADDALONI- Affissione selvaggia a tutta forza. I campioni dell’affissione ubiquitaria sono sempre loro: il popolo dei candidati alle ammnistrative. l’esercito del consenso, le truppe cammellate delle variopinte coalizioni che si presentano alle comunale. Così accede che a Caserta impazza la campagna elettorale ma l’affissione abusiva arriva fino a Maddaloni: in via Napoli e lungo via Forche Caudine. Dice la saggezza popolare: “”In amore e in guerra tutto è permesso”. E sommessamente aggiungiamo pure ai candidati che “manao” la politica ” e “combattono” per una poltrona in consiglio comunale. Il caso diventa singolare perchè a Maddaloni si sta combattendo una guerra diametralmente opposta: rimozione forzata dei cartelli 6×3, anche nelle aree private, e oscuramento (da parte della Sogert) dell’affissione abusiva sulle plance pubblicitarie comunali. «Poiché non corriamo il rischio di turbare o complicare il clima della competizione –spiega il vicesindaco Bove, titolare delle entrate- che non interessa il nostro territorio, l’azione di repressione e sanzionatoria inizierà subito. E’ una questione di equità fiscale. Non possiamo lottare contro le aziende del settore e consentire la libera affissione elettorale». Secondo procedure i manifesti saranno fotografati, censiti e poi contestati ai committenti.