0 00 3 min 1 mese 149

“Nella ricorrenza della beatificazione del sacerdote e uomo di scienza Francesco Faà di Bruno, Patrono del Corpo Ingegneri, sono particolarmente lieta diesprimere i più fervidi voti augurali agli Ufficiali di questa gloriosa componente specialistica dell’Esercito Italiano.” – rende noto il Sottosegretario alla Difesa, Stefania Pucciarelli nel manifestare vicinanza al Corpo degli Ingegneri dell’Esercito.

“Da sempre questo Corpo peculiarmente composto di soli Ufficiali laureati onora l’impegno a coniuga etica e applicazione del metodo scientifico, protese alla crescita e all’innovazione, al punto da far divenire questa capacità elemento distintivo unanimemente riconosciuto delleabilitanti professionalità dei suoi appartenenti e che si trovano emblematicamente riassuntenell’effige della dea Minerva campeggiantesul simbolo del Corpo e nella luminosa figura del Beato Faà di Bruno quale suo Celeste Patrono.”

“Nel modello di vita tracciato dal beato Francesco Faà di Bruno – fratellominore del capitano di vascelloEmilio, Medaglia d’Oro al Valor Militare per essersi immolato al comando della corazzata Re d’Italianella battaglia navale di Lissa, e poi egli stesso Ufficiale d’Accademia dell’Esercito, brillante cartografo, autore del “Manuale del soldato cristiano” e decorato per ferita in combattimento nella Prima guerra di indipendenza, prima di seguire la sua fervente vocazione religiosa – ogni Ufficiale del Corpo Ingegneri può trovare un chiaro ideale di riferimento e ispirazione perarmoniosa sintesi di ragione, impegno, estro ideativo, etica e passione.” – ha proseguito Pucciarelli.

“Le peculiari responsabilità del Corpo nel condurre approfondimenti, valutazione e sperimentazioni su armi, munizionamento, mezzi e materiali dell’Esercito, unitamente all’impegno nello sviluppo, produzione e aggiornamento di cartografia, analogica e digitale, e di dati geodetici e telerilevati, costituiscono per la Forza Armata di riferimento un valore aggiunto altamente abilitante e offrono emblematica dimostrazione di come la Difesa possieda al suo interno risorse e professionalità di altissimo livello su cui poter contare per affrontare le sfide poste dalla crescente complessità e velocità del cambiamento.”– conclude il Sottosegretario Pucciarelli.