0 00 3 min 1 anno 347
ABC: “In 5 mesi sono state smaltite quasi lo stesso numero di compostiere dei primi 19 mesi. Nelle prossime settimane intensificheremo la campagna di sensibilizzazione

Era lo scorso aprile quando l’Associazione in movimento ABC lanciava l’iniziativa che promuoveva l’utilizzo delle compostiere domestiche. Oggi, a 6 mesi di distanza, l’ente nato – tra l’altro – per condurre politiche di tutela dell’ambiente e di sviluppo sostenibile, rivendica il successo della campagna denominata “Chi composta riduce l’imposta“. «L’iniziativa nasce per promuovere l’adozione da parte di privati cittadini di circa 60 compostiere su 100 iniziali, secondo quanto contemplato dal bando del comune nel 2019», fa sapere ABC, presieduta da Giuseppe Morgillo. «Circa 20 giorni fa l’Assessore all’Ambiente ed Ecologia e il suo staff ci hanno comunicato che rimanevano ancora 30 compostiere. Quindi, circa la metà sono state smaltite proprio negli ultimi 5 mesi. La campagna di sensibilizzazione dell’Associazione “Chi composta riduce l’imposta” ha influito non poco su questo numero. Nei precedenti 19 mesi erano state smaltite lo stesso numero di compostiere».

POTREBBE INTERESSARTI: Ecomaratona dell’Acquedotto Carolino, il 31 ottobre la Iª edizione

Ridurre i mq dell’area pertinenziale

Ma non è tutto: ABC è pronta per portare avanti il tema delle compostiere domestiche e gli altri punti della sua agenda. «Alcuni giorni fa, nell’inviare allo stesso Assessore richieste di famiglie interessate alle compostiere domestiche, abbiamo anche comunicato la ferma intenzione di intensificare nel prossimo futuro la campagna di sensibilizzazione relativa alla materia. Soprattutto nelle zone periferiche, dove ci sono meno unità immobiliari e più spazi verdi pertinenziali.

Abbiamo chiesto alle Commissioni Consiliari di valutare la modifica del punto 5 del regolamento della materia. Ovvero di ridurre i mq dell’area pertinenziale da 300 a 200. Infatti durante la campagna di sensibilizzazione, abbiamo riscontrato che circa venti nuclei familiari hanno espresso la volontà di richiedere la compostiera, ma non hanno potuto perché disponevano di un’area inferiore a 300 mq. A breve pubblicheremo una nuova locandina, che girerà sia sui social ma che anche fisicamente nelle cassette postali di molte unità immobiliari, soprattutto nelle zone periferiche».