0 00 4 min 1 anno 403
Il presidente campano: “La comunicazione delle Lega in questi anni è stata aggressiva e di incitamento alla violenza, oggi Morisi mi fa pena. Ma basta con il giustizialismo e i processi mediatici, tutti sono innocenti fino a prova contraria

Più puntuale dell’Angelus del Papa, Vincenzo De Luca nella sua diretta Facebook fa il punto della situazione sul Coronavirus e sulla campagna vaccinale – in particolare il Green Pass. Non mancano da parte del presidente della Regione Campania aggiornamenti sugli importanti fatti della settimana e sulle misure relative alla ripresa dell’economia e alla creazione di lavoro. “Spero che il caso Morisi rappresenti la fine dei somari al potere, come è accaduto in questi ultimi 10 anni. Atteggiamenti e linguaggi sono stati degni di una paese barbaro. Non smettiamo inoltre di fare i processi mediatici, solo per questioni di audience, quando dovremmo ricordarci che secondo la Costituzione chiunque è innocente fino a prova contraria. La vicenda giudiziaria non mi interessa, è importante la dignità del dibattito pubblico.

La comunicazione delle Lega in questi anni è stata aggressiva, di incitamento alla violenza. Dietro questa comunicazione c’era Morisi e oggi a vederlo provo pena per loro. Rabbrividisco al pensiero che l’Italia potesse cadere nelle loro mani. Non sono stati da meno i 5 Stelle, con la complicità del mondo dell’informazione. Anche la sentenza che colpisce Mimmo Lucano è un esempio di dibattito solo ideologico, sarebbe bello essere silenti sui casi giudiziari e parlare dei problemi del nostro Paese. Sarebbe bello non mischiare la giustizia con temi, come quello dell’immigrazione – da affrontare e risolvere”.

POTREBBE INTERESSARTI: In 10 per quasi un’ora, il Napoli cede allo Spartak: azzurri sconfitti 2-3

IL PUNTO SUL COVID

Preoccupa per De Luca il milione circa di campani che ancora non si sono sottoposti alla seconda dose di vaccino. “Spero che nelle settimane che verranno si parli meno di pandemia e più di temi economici, di come creare posti di lavoro. I dati sui contagi sono incoraggianti, dobbiamo capire quale incidenza ha avuto la riapertura delle scuole. Nella nostra Regione sono state somministrate oltre 7 milioni di dosi, ma solo 3 milioni e 600 mila campani hanno ricevuto la doppia dose. Questo dato non va bene. Invito i concittadini a fare uno sforzo maggiore e nel frattempo partiranno le terze dosi contemporaneamente per gli anziani, le persone fragili e il personale sanitario”.

I TEMI ECONOMICI

De Luca elenca la serie di iniziative della sua Giunta per il rilancio economico e occupazionale della Campania. “Nell’attesa di una norma nazionale, sono stati prorogati, fino al 31 dicembre prossimo, 50 contratti di lavoro flessibile funzionali all’attività scientifica dell’Istituto Pascale di Napoli. Era un atto di responsabilità. Quanto all’economia, i 2000 giovani che hanno partecipato al concorso della Regione per rafforzare la PA, stanno per firmare i contratti a tempo indeterminato. Altri 600 saranno assunti, ovvero coloro che hanno preso parto al concorso per i centri per l’impiego. Sono in corso investimenti per le infrastrutture portuali a Napoli, Salerno e altre zone campane, anche grazie al PNRR.

Sempre a Salerno proseguono i lavori dell’aeroporto, mentre è pronto il parcheggio interrato, uno dei più grandi in Europa. 100 milioni di euro sono stati stanziati per progetti sulla mobilità sostenibile nella costiera sorrentina e amalfitana. Ci impegneremo in Consiglio Regionale a sburocratizzare le pratiche e ad approvare il piano urbanistico. Guardiamo con fiducia al futuro e speriamo che, con le elezioni amministrative, anche a Napoli si possa concludere il decennio dell’inconcludenza”.