0 00 4 min 3 mesi 237
Foto: © SSC Napoli
Il tecnico degli azzurri ha parlato nel post della gara di Europa League vinta col Legia: “Questo è un gruppo fatto per stare e giocare insieme”

Vittoria e primo posto in classifica: non poteva andare meglio la trasferta polacca del Napoli che con il 4-1 sul Legia Varsavia mette nel mirino direttamente gli ottavi di finale di Europa League. Primi 45 minuti chiusi sotto di una rete, tuttavia gli azzurri hanno sempre comandato il gioco. Se nel primo tempo i partenopei hanno trovato qualche difficoltà nel trovare la via del gol, nella ripresa dilagano. La rimonta è di rigore, il primo trasformato da Zielinski, il secondo da Mertens (gol numero 136 in maglia azzurra); Lozano e Ounas per il 4-1 finale. “C’è stata una grande risposta da parte della squadra, sia di disponibilità che di qualità”: inizia così la conferenza stampa di Luciano Spalletti nel post match. “Abbiamo preso un gol che non dovevamo prendere, nel primo tempo ci siamo complicate le cose sbagliando tutto il possibile. Nella ripresa è venuta la differenza e la qualità dei giocatori, anche di quelle subentrati. Abbiamo dimostrato di saper giocare quando le cose si complicano.

RILEGGI LA CRONACA DI LEGIA VARSAVIA-NAPOLI >>> Il Napoli vince in Polonia e si prende il primo posto: 4-1 al Legia Varsavia

Possiamo anche parlare di turn over, ma questi giocatori non possono essere trattati da riserve. Il mio compito è farli sentire titolari. Da parte di chi gioca meno ci sono state risposte, anche per rispetto dei tifosi che ci hanno accompagnato in Polonia. Queste prestazioni aumentano la forza del gruppo, perché colmano lacune che c’erano, tranquillizzano anche quelli che sono rimasti a casa. Chi ha giocato ha riempito bene la maglia, in questa squadra sono tutti coinvolti, questa è una rosa fatta per stare e giocare insieme. Petagna? È un giocatore diverso da Mertens, a volte con lui possiamo giocare in modo da far salire la squadra”.

MERTENS: “VOLEVO FARE GOL”

Nel dopo gara ha parlato anche Mertens, tornato al gol dopo la lunga assenza: “Non era facile oggi. Loro hanno anche giocato bene, noi abbiamo sbagliato molto ma alla fine abbiamo fatto il gol e abbiamo ottenuto una bella vittoria. L’Europa League è una bella cosa, quando ci sei dentro devi dare tutto. Era un po’ di tempo che mancava il gol, mi faceva male la spalla da 5 anni e mi sono operato. Ora sto bene.

Ho sempre lavorato in allenamento, aspettando il mio momento. Con i 5 cambi si può fare tanto. Siamo contenti per la vittoria. Con i cambi dalla panchina possiamo diventare fortissimi, i giocatori arrivati hanno aumentato la qualità del gruppo. Anguissa non lo conoscevo bene e sta dando un notevole contributo. Osimhen sta facendo benissimo come tutta la squadra”.

Dichiarazioni anche da parte di Zielinski: “Devo dare il meglio per la squadra, così le partite si vincono. Il rigore? Volevo tirarlo subito, da quando ha fischiato. Anche stamattina ho parlato col mio agente e gli ho detto che mi sentivo che ci sarebbe stato un rigore e l’avrei segnato. Ma sono contento soprattutto per la squadra. Finora stiamo facendo grandi cose e dobbiamo continuare così. Abbiamo una squadra forte, spero che ci possiamo togliere grandi soddisfazioni”.