0 00 2 min 2 mesi 264
La richiesta di chiarimenti inoltrata dal Comune alla ditta affidataria del servizio di refezione scolastica, sembra non avere basi solide

“In merito al disservizio verificatosi nei primi giorni di avvio del tempo pieno nelle scuole comunali e relativo alla refezione scolastica, il Sindaco Marino deve fornire una immediata soluzione, in quanto colpisce in maniera diretta i bambini”. Questa la richiesta dell’avv. Maurizio Del Rosso, consigliere comunale del gruppo Gianpiero Zinzi per Caserta. La richiesta di chiarimenti inoltrata dal Comune alla ditta affidataria del servizio di refezione scolastica, sembra non avere basi solide.

“Da informazioni assunte sembrerebbe infatti che la gara, aggiudicata prima del Covid, prevedeva che i pasti venissero consegnati nella sala refezione e non nelle singole aule, così come previsto dalla ultime disposizioni ministeriali per far fronte all’emergenza epidemiologica”, continua Del Rosso, che aggiunge: “Tale nuova modalità di erogazione del servizio, comporta una diversa organizzazione del lavoro, oltre ad un numero maggiore di unità lavorative. Tuttavia appare che l’Ente abbia trascurato sino al giorno 8 novembre tale situazione, generando un legittimo panico tra i genitori dei bambini.

Si invita pertanto il Sindaco ed il Dirigente al ramo – conclude il consigliere – a fornire tutti i dovuti chiarimenti. E a porre in essere tutte le iniziative, per far sì che già da domani il servizio funzioni regolarmente. Oltre a rimborsare gli utenti del costo sostenuto dai genitori per i primi giorni di scuola”.