0 00 2 min 2 mesi 707

MADDALONI- Mensa scolastica, se ne riparlerà a gennaio, curva pandemica permettendo. Il servizio di refezione è sospeso. Nessun mistero, nessun inghippo nell’appalto e nessun ritardo. E non è neppure un problema finanziario ma di distanziamento e gestione delle procedure Covid.

Sindaco De Filippo ci illustra le ragioni di questa scelta?

In linea con le direttive anticovid dell’Asl, e soprattutto viste le richieste della Regione Campania, avanzate al Governo, di sospendere la didattica in presenza dal 9 al 22 dicembre, non ci sono le condizioni per attivare un servizio che potrebbe essere interrotto a breve e che non garantisce le condizioni di sicurezza e distanziamento. La crescita della curva, l’arrivo dell’obbligo della terza dose anche per gli insegnanti e la necessità di tutelare la didattica in presenza impongono una scelta dolorosa ma che, in questo momento, è il male minore.

La scelta è salvaguardare la didattica in presenza il più possibile e contenere potenziali contagi. Quali sono le prospettive allora per questo anno scolastico?

Se ne riparlerà da gennaio 2022. Con la speranza, che credo sia condivisa da tutti, che il quadro pandemico, purtroppo in in lento ma generale peggioramento, coincida con una inversione di tendenza con il ritorno dalle vacanze natalizie. Che poi è anche la strategia di De Luca e le ragioni della sua richiesta di sospendere la didattica in presenza a dicembre. Ma sono decisioni che attengono al Governo e alle indicazioni degli esperti.