0 00 3 min 2 settimane 709

Andrà tutto bene. La frase arcobaleno che ci ha accompagnato durante il primo lockdown. Diciamo che non è andata proprio così. Aggiungiamo anche che la mamma degli imbecilli è sempre incinta. Un sabato sera, quello appena trascorso, dove la città di Maddaloni ha mostrato ancora una volta il suo lato peggiore, anche se siamo sicuri che la comunità saprà ribaltare la situazione. Intorno alle ore 22.40 il giovanissimo A. si spostava da un lato all’altro della città, sotto il freddo di inizio gennaio, con la sua bici elettrica. Come ogni weekend stava consegnando pizze a domicilio per conto della nota pizzeria “Di Vico In Vico” di via Napoli. Durante una consegna, nella zona della Clinica di San Michele (entrata pronto soccorso), due energumeni a bordo di una macchina di colore nero, approfittano di un momento di distrazione, in un lampo scippano la bicicletta, lasciando A. solo con la sua disperazione ma soprattutto senza il suo mezzo di sostentamento, il veicolo con il quale si arrangia in tanti piccoli lavoretti per racimolare una fonte di guadagno da portare a casa. A., infatti, è orfano di padre, vive con la mamma e i tre fratelli ed in casa le necessità sono tantissime. Il lavoro di rider gli permetteva di affrontare con un pizzico di serenità le personali esigenze quotidiane. Gli abitanti della zona stanno, in queste prime ore, cercando un sistema di videosorveglianza che possa dare qualche elemento più sostanzioso sul deplorevole accaduto.

Un episodio che ha destato subito rabbia e delusione in tutta la città non fosse per il fatto che A. è considerato da tutti un bravissimo ragazzo, sempre disponibile e votato al sacrificio che trova anche il tempo e voglia per dare il suo contributo in alcune iniziative di beneficenza. A. è da oggi senza la sua bicicletta elettrica e almeno per il momento dovrà rinunciare al suo lavoro di rider. Una notizia che ha profondamente colpito la signora Angela Di Caprio, nome molto conosciuto in città, per le tante iniziative sociali in cui è coinvolta, e soprattutto per essere titolare del negozio di casalinghi “Babbilonia” di via Serao. Angela ha immediatamente lanciato il suo appello tramite i social, con la speranza di toccare il cuore della gente. Una vera e propria raccolta fondi dove anche un piccolo gesto può diventare importante per permettere ad A. di riavere una nuova bici elettrica. Mentre si indaga sull’accaduto, il negozio di casalinghi “Babbilonia” in via Serao a Maddaloni, apre le sue porte a tutti coloro vogliano mettere un lieto fine a questa triste storia.