0 00 5 min 8 mesi 640

MADDALONI- Scontro duro. Velia Ambiente succede alla Buttol. Con un accordo di fitto di ramo di azienda, tutto l’asset relativo ai servizi di raccolta e trasporto di rifiuti solidi urbani, l’azienda di Sarno titolare in delega del servizio unico di igiene ambientale, cambia pelle. Buttol Srl cambia strategia aziendale e si concentra sull’impiantistica grazie ai recentemente acquisiti: due impianti di biodigestione a Terni (Green Asm) e a Calimera (LE), due di Pfu (pneumatici fuori uso) a Borgo Val di Taro (PR) e a Terni. Basta l’annuncio per scatenare il fronte sindacale. Tra le maestranze e la Buttol, è in atto un braccio di ferro sulla gestione del servizio da oltre un anno. Troppe vertenze aperte e non risolte. La nuova scelta aziendale è stata interpretata come l’ennesimo atto di evitamento di qualsivoglia forma di confronto o dialogo con i dipendenti e i sindacati sulle strategie  gestionali del cantiere di Maddaloni e sulle strategie complessive aziendali che hanno sempre ricadute occupazionali. E’ proclamazione dello stato di agitazione sulle scelte dell’azienda e sulle procedure accattate dal comune del fitto del ramo di azineda invece di valutare l’affidamento ad altro gestore.

  • Comune di Maddaloni
    c.a. Sindaco
    c.a. Assessore Ambiente
  • Società Buttol Srl
    E p c
  • Prefettura di Caserta
    c.a. S.E. Il Prefetto
    Oggetto: Stato di agitazione ed attivazione procedura di raffreddamento ai sensi della L.146/90 ed 83/2000, Società Buttol srl – Cantiere di Maddaloni;
    Alle scriventi OO.SS. è pervenuta nota della VELIA Ambiente srl, ai sensi dell’art. 47 della legge 428/90, che annuncia il fitto del ramo d’azienda della Buttol Srl.
    Atteso la legittimità della suddetta procedura, in conformità alle prerogative di legge che disciplinano la materia e visto l’imminente scadenza della proroga dell’appalto di igiene urbana per l’appalto di igiene urbana di Maddaloni Ce, riteniamo che tale procedura non obbliga il succitato comune a far continuare il servizio alla nuova locataria, ma piuttosto a verificare gli estremi di affidamento a nuova ditta in attesa dell’assegnazione definitiva della nuova gara di appalto.
    In attesa degli esiti delle procedure richiamate, le scriventi non possono esimersi dal segnalare che la società Buttol srl, ha diverse pendenze contrattuali con gli addetti all’igiene urbana di Maddaloni, che da circa sette mesi non percepiscono i buoni pasto giornalieri e non hanno visto riconoscersi, per tutta la durata del rapporto di lavoro, alcuni istituti contrattuali come permessi, ex festività, versamento del fondo FASDA e gli arretrati relativi al passaggio alla posizione parametrale A.
    Le suddette pendenze contrattuali a seguito del completamento della procedura di fitto del ramo di azienda e di scadenza dell’appalto, si andrebbero a sommare al riconoscimento del TFR, dei ratei di XIII e XIV mensilità, ferie e permessi non goduti, ect. Queste condizioni, che il comune di Maddaloni conosce perfettamente, dovevano essere sanate attraverso l’ anticipo di un canone di servizio, che la Buttol srl ha incassato, ma non ha sanato le pendenze verso i lavoratori, disattendendo per l’ennesima volta gli impegni assunti e, generando così una crescente malumore ed esasperazione tra le maestranze, che rischiano di innescare proteste fuori dal controllo sindacale.
    Visto le gravi inadempienze su evidenziate, le scriventi sono costrette ad avviare apposito Stato di agitazione ed attivazione procedura di raffreddamento ai sensi della legge in oggetto, a far data da oggi 17.03.20222, per tutto il cantiere di Maddaloni. Chiedono al Sindaco di Maddaloni, la convocazione di un tavolo di confronto con carattere di urgenza
    con la Buttol Srl, per definire termini e modalità di riconoscimento delle suddette spettanze. Nelle more, si richiede al comune di Maddaloni, di congelare ogni riconoscimento dei canoni di servizio dovuti alla Buttol srl. Rimanendo in attesa di sollecita convocazione e d
    eclinando ogni responsabilità per possibili proteste fuori controllo, inviamo Distinti Saluti.
    Le Segreterie Territoriali