0 00 2 min 8 mesi 257
La speranza è di trasformare l’area nel parco urbano di Caserta, facendo anche in modo che possa diventare un’opportunità di lavoro per tanti giovani del territorio

Era dal 2006 che i cittadini di Caserta – e non solo – ebbero la possibilità di visitare il Macrico. In via del tutto straordinaria, la Domenica delle Palme ha visto la sua riapertura, grazie al Vescovo Pietro Lagnese. Che, ha già fatto sapere di essere disponibile a restituirlo ai casertani, in modo da diventare il “parco urbano” della città, ma anche “un’occasione per uno sviluppo sostenibile“.

Tante le persone che ieri hanno visitato il Macrico, purtroppo in evidente stato di abbandono (come testimonia la fotogallery sottostante). Presente anche l’Associazione ABC, l’ente maddalonese presieduto da Giuseppe Morgillo. “Oggi l’Associazione, con i propri attivisti, è stata presente alla riapertura dell’ex area militare «Ma.C.Ri.Co», considerata da tutti un grande polmone verde della città di Caserta, chiusa al pubblico da circa 35 anni.

È di appartenenza dell’Istituto Diocesano per il Sostentamento, da anni è oggetto di discussioni e battaglie. Molte associazioni e movimenti di cittadini hanno chiesto l’apertura, per dar vita ad un bel parco che possa risultare un qualcosa di socialmente utile per la città. ABC non è solo sensibile al territorio maddalonese, reputa anzi che le belle realtà che possono nascere nei comuni limitrofi possano essere un valore per l’intera collettività. Soprattutto quando si tratta della città capoluogo“.

SFOGLIA LA FOTOGALLEY