0 00 2 min 6 mesi 270
Il 30 maggio, in occasione dell’anniversario della scomparsa di don Salvatore d’Angelo, la Fondazione ha organizzato la celebrazione di una Santa Messa in sua memoria

La fine della II Guerra Mondiale non cancellava la devastazione causata dal conflitto. Rovine, macerie, giovani senza più un tetto e una famiglia. Fu allora che don Salvatore d’Angelo si prodigò per costruire il Villaggio dei Ragazzi. La sua fu una risposta pedagogica e pastorale all’importante “questione giovanile” e un contributo alla politica sociale della comunità.

Oggi questo Ente è più che mai proiettato nel futuro. Continua ad essere un punto di riferimento – sia nell’ambito dell’istruzione che del welfare regionale – per tanti giovani che vogliono intraprendere studi seri per affrontare al meglio le sfide della vita. Il 30 maggio, in occasione dell’anniversario della scomparsa di don Salvatore d’Angelo, la Fondazione ha organizzato la celebrazione di una Santa Messa in sua memoria, nella Chiesa di Santa Maria della Pace del Villaggio. Sarà officiata da Pietro Lagnese, Vescovo della Diocesi di Caserta.

VILLAGGIO, APPUNTAMENTO CON LA ROBOTICA

Domani invece, si svolgerà il Torneo di Robotica “RoboCup Villaggio” che vede impegnati gli studenti dell’Istituto Tecnico Industriale e per gli allievi delle Scuole secondarie di I grado di Maddaloni. Oltre al Villaggio, promotore della gara è la Micron Semiconductor Italia, multinazionale leader nel settore delle schede di memoria che fornisce supporto tecnico alle attività di robotica dell’Opera. Sabato infine, avrà luogo presso la struttura “Calciotto Calatia Maddaloni” un Torneo di calcetto. Coinvolti tutti gli allievi della Fondazione e il Calatia Jazz “Città di Maddaloni”, è proseguirà anche il 29 (dalle ore 19.00 alle ore 23.00).