0 00 3 min 2 mesi 338
Una tre giorni di basket, calcio-tennis e beach volley che terminerà domani. L’assessore Ventrone: “Lo sport strumento di formazione dell’individuo e motore di inclusione sociale

Con l’arrivo del primo di luglio ha preso il via la seconda edizione del “Maddaloni Sport Experience“, l’evento sportivo organizzato dal Comune di Maddaloni – finanziatore della manifestazione – in collaborazione con l’OPES Caserta. Una tre giorni di basket, calcio-tennis e beach volley, iniziato ieri e che terminerà domani. Altro appuntamento dunque sul territorio calatino, dopo le tante iniziative culturali che hanno accompagnato e che terranno ancora compagnia i maddalonesi in questa calda estate. Le gare si svolgono nella zona della fiera settimanale e vede la partecipazione di circa 250 sportivi accorsi da tutta la provincia, oltre a un buon numero di spettatori. Non mancano inoltre musica e intrattenimento.

All’inaugurazione dell’evento hanno preso parte Juri Morico – Presidente nazionale Opes Italia -, accompagnato dal presidente regionale Gianluigi Antonini e dal Presidente provinciale Giovanni Masiello. Presenti le istituzioni maddalonesi: il sindaco Andrea De Filippo, il vice sindaco Luigi Bove e l‘assessore Cultura, Sport ed Eventi Caterina Ventrone, che, come affermato da OPES, è stata “colei che ha fortemente voluto la ripetizione dell’evento“.

Proprio l’assessore ha lasciato delle dichiarazioni a GiornaleNews

Ieri abbiamo dato il via alla seconda edizione del Maddaloni Sport Experience, evento fortemente voluto dall’amministrazione, poiché ritengo che promuovere e diffondere la cultura sportiva sia un dovere della buona politica“, afferma la Ventrone. “Lo sport rappresenta uno strumento di prevenzione del disagio sociale e psicofisico, oltre ad essere un elemento formativo per l’individuo. Inoltre – conclude l’assessore – è un motore di inclusione sociale, uno strumento eccellente per l’integrazione delle minoranze. Incoraggiare i processi di partecipazione allo sport è un tratto distintivo di una società sana, ma anche un elemento di civiltà“.