0 00 3 min 2 settimane 113
Evento organizzato dal Consiglio dell’ordine degli avvocati, dall’Associazione Avvocati di S.Maria C.V., dalla Fondazione Fest e dall’associazione Avvocati Calatini

MADDALONI- Organizzato dal COA di S. Maria C.V., dall’Associazione Avvocati di S.Maria C.V., dalla Fondazione Fest e dall’associazione Avvocati Calatini, davanti ad una folta ed interessata platea, si è tenuto presso la sala Iorio della biblioteca comunale di Maddaloni, l’evento “Cassa forense: approfondimento sull’istituto previdenziale” in cui sono state discusse le problematiche previdenziali e pensionistiche degli avvocati. Hanno preso la parola l’avv. Ugo Verrillo Presidente del Coa, l’avv. Patrizia Manna presidente della Fondazione Fest e l’avv. Antonella Panico, delegato uscente, tutti candidati nella Lista n. 5 alle elezioni dei delegati alla Cassa Forense che si terranno dal 26 settembre prossimo, nonché l’avv. Marisa Annunziata consigliere di amministrazione della Cassa Forense. Quest’ultima si è lungamente soffermata sulle opportunità che offre la Cassa con le convenzioni stipulate con vari enti ed imprese, sui tanti servizi a favore degli iscritti e dei loro familiari in caso di malattia, con particolare attenzione ai loro figli minori.

È emersa, inoltre, l’esigenza di promuovere la totale revisione del sistema sanzionatorio che risulta oneroso per gli iscritti .

All’evento moderato dall’Avv. Gennaro Pisanti e concluso dall’Avv. Antonio Spallieri, hanno portato i loro saluti l’Avv. Angela del Vecchio, Presidente dell’Associazione Avvocati di S.Maria C.V., e l’avv. Antonio Caradonna, Presidente dell’Associazione Avvocati Calatini; tutti hanno invitato i colleghi a riflettere sull’importanza della partecipazione al voto, considerato che da lungo tempo ormai il foro di S.Maria C.V. non annovera propri rappresentanti tra i delegati nazionali, indirizzando la propria scelta verso quei candidati che si riconoscono nel progetto di Dignità forense, realtà rappresentativa cui la classe forense sammaritana ha già dato il proprio consenso alle scorse elezioni del Coa, eleggendo tutti i quattordici candidati presenti in lista, consentendo agli stessi di lavorare con unità di intento, ad esclusivo servizio della classe forense.