0 00 2 min 2 mesi 291

MADDALONI- Comune ferme le trivelle. Quelle nel centro urbano avviate per la messa in sicurezza delle condotte del gas metano in via Cucciarella, specificamente l’intervento di schermatura delle condotte, costruzione di un sistema di scarico delle correnti vaganti (dette anche parassite o disperse) che possono innescare fenomeni di corrosione e quindi potenziali fughe o fenomeni incontrollati. Cantiere fermato.

Assessore D’Alessandro perché questa decisione cosa severa?

Và bene la posa in opera dei pali ma va pianficata. Non si può intervenire in uno dei punti più critici e rischiosi del sottosuolo cittadino. La confluenza tra via Cucciardella e via Caudina è seriamente  interessata da fenomeni di allagamenti diffusi amplificati dall’ostruzione   delle fogne, intasate anche da pneumatici e rifiuti voluminosi. Siamo stati costretti a sospendere il cantiereperché l’intervento non era stato autorizzato e soprattutto programmato.

Quale è il problema?

Le installazioni a protezione delle rete del gas avrebbero reso non eseguibile quello di manutenzione imminente della vetusta rete fognaria. Lavori pubblici che interferiscono con altri lavori pubblici. Temuta l’imposizione di servitù e condizioni distanze di rispetto per sottoservizi a rischio che impedirebbero l’esecuzione di lavori già programmati e finanziati.

Non si può trivellare a piacimento, e quindi?

Quindi deve essere il comune a disporre le aree idonee non si può sovrapporre un sottoservizio ad un altro. Non si può intervenire continuamente nei medesimi luoghi. Il problema non è solo tecnico. L’ente locale contesta la mancanza di processi autorizzativi e dei pagamenti degli oneri all’ente locale.