0 00 3 min 2 mesi 534
Ne fanno parte molti paesi dell’Unione Europea. L’Unità di missione per il PNRR entra nel Progetto “A Scuola di OpenCoesione”

di Elio Bove- Chiusa la prima lezione dell’innovativo percorso didattico di “A Scuola di OpenCoesione”. Il liceo don Gnocchi di Maddaloni partecipa ad uno dei progetti più importanti, forse il più importane di didattica innovativa, con l’attività di monitoraggio civico sui territori a partire dai dati sui progetti finanziati con le risorse delle politiche di coesione. Sono numerose le collaborazioni istituzionali attivate che rafforzano e arricchiscono il percorso didattico: dalla Rappresentanza in Italia della Commissione Europea al Senato della Repubblica, l’Istat, il Dipartimento per le Politiche Europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri, oltre alle numerose partnership regionali, apartire dalla Regione Campania eEurope Direct di Caserta. Da quest’anno si è unita anche l’Unità di missione per il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.

Nasce il primo esperimento di scuola unica dell’Ue

E’ proprio il caso di dire che nelle scuole selezionate nasce il primo esperimento di scuola unica dell’Ue. “Non corriamo, ma non bisogna escluderlo, trattandosi di un progetto al centro di una sperimentazione internazionale che già coinvolge vari paesi dell’Unione Europea”. Ad affermarlo è la Dirigente del Don Gnocchi, Annamaria Lettieri. Con una classe mista, che mette insieme tutti gli indirizzi della sua scuola, il don Gnocchi ha già chiuso il primo step, con largo anticipo rispetto alla inderogabile scadenza. “E’ così – continua la Preside Lettieri – e sono soddisfatta per il lavoro svolto dai miei studenti. Abbiamo scelto il progetto da monitorare e abbiamo chiuso la ricerca tematica, raccogliendo informazione e dati del finanziamento “Per il ricongiungimento delle arti in Campania”. Un progetto finanziato con 5 milioni di euro, con soggetto attuatore la Fondazione Campania dei Festival”. La Fondazione Campania dei Festival è un’istituzione culturale di ampio respiro che, in maniera permanente, produce, promuove e amministra un articolato sistema di progetti, nel campo della valorizzazione dei beni culturali, nell’inclusione sociale, nella formazione attraverso lo spettacolo dal vivo, con un approccio multidisciplinare. Quale sarà il 2° step? “Valuteremo l’efficacia e la coerenza dell’impiego delle risorse affidate alla Fondazione Festival, per proseguire con gli ultimi due step, quelli conclusivi. Il Percorso è lungo e terminerà a maggio”, fa sapere la Dirigente. Il Percorso include anche innovative tecnologie di informazione, comunicazione e Data Journalism, lo sviluppo di competenze digitali e l’uso dei dati in formato aperto (Open Data). “Tutto ciò – conclude la Dirigente Lettieri – per aiutare gli studenti a conoscere e comunicare, con l’ausilio di tecniche informatiche, statistiche e giornalistiche”. Partnership del Liceo don Gnocchi è la Fondazione Ferraro, da sempre impegnata sul fronte dell’assistenza ai minori.