0 00 3 min 5 anni 68

Mancano pochissimi giorni, una decina, ed il nuovo anno avrà inizio.
No, non siamo nel periodo natalizio, tutt’altro, siamo ad agosto.
Per molte persone l’inizio di settembre, rappresentata metaforicamente un nuovo ciclo, fatto di buoni propositi, speranze, desideri, obiettivi.
Settembre sarà un mese importante e forse decisivo per la città di Maddaloni.
Si entrerà nel vivo della campagna elettorale che ci accompagnerà fino al mese di giugno.
E si, perché a quanto pare il Partito Democratico ha fissato il termine per la presentazione delle candidature alle primarie; si vocifera che sia il 30 ottobre.
Ovviamente le coalizioni avverse non staranno a guardare. Le strategie entreranno nel pieno della fase del “mercato” politico ed inevitabilmente inizieranno a delinearsi gli scenari al momento confusissimi. Un centrodestra da inventare al cospetto del terremoto politico del 7 marzo che ne ha decretato la fine, o almeno un notevolissimo ridimensionamento. A tal proposito, sempre a settembre, riprenderà il processo a Rosa De Lucia e avrà inizio quello per gli altri indagati per la tangentopoli maddalonese.
Ci auguriamo vivamente che quello settembrino sia il mese del tanto atteso ed osannato cambio di rotta. Maddaloni è fra le città dove più di tutte il regno dell’illegalità si espande e colonizza tutte le arterie, a partire dal centro storico con l’ex municipio divenuto ormai casa delle zoccole, fino ad arrivare ai paradossi delle periferie.
A settembre riprenderanno le attività didattiche con l’augurio che le strutture scolastiche siano dignitose e non ci saranno i soliti intoppi dovuti a defaillance strutturali che si sono tradotti in un passato non troppo remoto in degrado.
Fattore ambientale all’anno zero. Da cava Monti alle discariche abusive passando per le nostre puntate di “Monnezzopoli” … elementi che rappresentano le priorità di qualsiasi amministrazione comunale che abbia una coscienza e senso civico.
Parlare di ambiente senza citare il controllo del territorio è testimonianza di poca dimestichezza amministrativa; e qui un’altra nota dolente è proprio questa. Maddaloni è terra di nessuno.
SE NE PARLA A SETTEMBRE… quante volte l’abbiamo detto o sentito dire.
A settembre dieta, smetto di fumare, inizierò la scuola con spirito migliore, mi impegnerò affinché possa trovare lavoro….
Noi maddalonesi mettiamoci del nostro meglio iniziando a migliorarci ed avere più senso civico. Coltiviamo più amore per la nostra città e difendiamola.
Dario Bocchetti
buone-intenzioni-46137115