0 00 3 min 5 anni 33

 
Grazie all’intervento dei carabinieri di San Felice a Cancello, finisce l’incubo di una donna di Maddaloni, tenuta in ostaggio in un’abitazione, o meglio dire in un tugurio, nel comune di San Felice A Cancello. L’uomo, Siad Mostafa, un marocchino irregolarmente in Italia, è colto in flagranza di reato, è detenuto presso la casa circondariale in quel di Santa Maria Capua Vetere.
Agli inquirenti ha dichiarato che la donna era di suo proprietà, pertanto era autorizzato a farle tutto ciò che voleva
index Siad Mostafa
 
“Nella giornata di ieri 26.08.2016, presso l’utenza 112 del pronto intervento carabinieri, è giunta una telefonata da parte di una 41enne di Maddaloni che denunciava la scomparsa della propria madre 64enne, convivente, che uscita di casa alle ore 11.00 del 24 agosto u.s. non aveva più fatto rientro.
Le indagini- spiega la nota –  immediatamente avviate dai militari dell’Arma si sono, sin da subito, incentrate nella ricerca d’informazioni riguardo alle frequentazioni della donna.
E’ proprio a seguito di tale spunto investigativo che i carabinieri hanno focalizzato l’attenzione su (Siad Mostafa NDR), cl. 59, con cui la 64enne scomparsa, aveva, in passato, intrattenuto una relazione.
Individuato il domicilio dell’uomo, i carabinieri – spiega la nota – del Comando Stazione di San felice a Cancello si sono portati presso l’abitazione dell’uomo (un monolocale ubicato in San Felice a Cancello…) dove, dopo aver invano tentato di farsi aprire la porta, hanno fatto irruzione constatando che all’interno vi era proprio la donna costretta a stare seduta in un angolo, – continua la nota – con il (Siad Mostafa NDR) che, in piedi, la controllava a vista. La vittima, visibilmente scossa, mostrava anche delle macchie di sangue sulla schiena.
Alla vista dei militari dell’Arma l’uomo si è scagliato contro di loro venendo, con non poche difficoltà, bloccato ed arrestato.
Visitata dal personale del 118, intervenuto sul posto, la 64enne è stata riscontrata affetta da “escoriazioni multiple alla zona dorsale”.
Carabinieri Com. Prov. Caserta