0 00 3 min 6 anni 116
Polizia Municipale batte Rete Ferroviaria italiana (Rfi) 2-0. Per la cronaca, una volta tanto fatta come se fosse una partita di calcio, a segnare le reti, grazie ad un doppio e bruciante contropiede burocratico, è stato il «Nucleo Ambiente e Territorio» dei caschi bianchi. Che tra il comune ed Rfi, in materia prima di soppressione e poi di manutenzione dei passaggi a livello non corra (da 20 anni ) buon sangue, è scritto in una lunga sequela di contenziosi (e purtroppo di condanne a carico dell’ente locale). Ma tra un costoso cimento e l’altro dei principi del foro, si inserisce un episodio di caparbia e buona amministrazione. Giusto il tempo di ricordare che i giochetti legali sono costati ben due milioni e mezzo di euro ai maddalonesi inermi, va detto che la Polizia Municipale ha prima chiesto, poi imposto e infine ottenuto la messa in sicurezza, la manutenzione straordinaria e pure l’asfaltatura dei principali passaggi a livello cittadini. Appunto 2-0: asfaltato l’attraversamento di via Napoli e quello di via Appia. Infatti, tra un contenzioso e l’altro, le parti avevano dimenticato di fare ordinaria manutenzione degli attraversamenti trasformati in avvallamenti che non avevano nulla da invidiare alle montagne russe. Gioia per i guidatori di fuoristrada e dannazione per i conducenti di utilitarie. Attualmente, gli attraversamenti urbani saranno eliminati (nell’ambito dell’accordo sulla nuova linea Napoli-Bari). Ma nell’attesa la sicurezza non è un optional. Stanchi di annotare  i gravi danni procurati alle auto, le voragini presenti lungo la massicciata carrabile e i contenziosi con i cittadini, i vigili urbani hanno avviato una vera indagine per identificare la sezione del colosso Rfi responsabile di un simile degrado. Alla fine gli uomini del «Nucleo Ambiente Territorio» hanno bucato il muro di gomma eretto dalla controparte. Ritornando alla metafora calcistica, Rfi ha fatto melina e prolungato possesso palla: non si era riusciti a comprendere perché gli uffici compartimentale di Caserta (a cui era stata inoltrata richiesta di intervento per competenza) non adempissero agli obblighi di legge. Nel secondo tempo, la Polizia Municipale ha scelto il pressing alto e la marcatura asfissiante sul portatore di palla (in questo caso portatore di responsabilità di adempimento degli atti) della squadra avversaria. Così. È stato più facile risalire la catena di comando. Rfi, che giocava in difesa, si è scoperta ed è stata infilata in contropiede: si è addivenuti ad individuare che la competenza era della sezione compartimentale di Napoli, che chiamata a rispondere, è stata costretta a fare manutenzione urgente.