0 00 3 min 6 anni 99

futuro-remoto-villaggio

IL TECNICO INDUSTRIALE DEL ‘VILLAGGIO’ SUGLI SCUDI A “FUTURO REMOTO”

UNA VETRINA SPECIALE RISERVATA AI CAMPIONI DELLA ROBOTICA.

IL COMMISSARIO ALINERI: “PER GLI STUDENTI E’ FONDAMENTALE IL CONFONTO CON IL MONDO DELLA SCIENZA E DELL’INNOVAZIONE”

Dal 7 al 10 ottobre 2016, in Piazza del Plebiscito a Napoli, si è tenuta la storica manifestazione “Futuro Remoto”. Una kermesse, nata nel 1987. Giunta quest’anno alla sua 30° edizione contraddistinta dal tema: “COSTRUIRE”. “Futuro Remoto”  si propone di diffondere  la cultura scientifica e tecnologica ed è stata promossa dalla Fondazione Idis-Città della Scienza, dall’Università degli Studi di Napoli Federico II, dall’Ufficio Scolastico Regionale per la Campania, in partnership con la Regione Campania, il Comune di Napoli, le Università della Regione Campania, i centri di ricerca, le istituzioni e fondazioni culturali, il mondo delle imprese e del lavoro. Lo scorso 10 ottobre, protagonisti nella celebre piazza partenopea sono stati gli studenti dell’Istituto Tecnico Industriale del “Villaggio dei Ragazzi” accompagnati, per l’occasione, dal Dirigente scolastico, ing. Claudio Petrone, e dal docente, prof. Michele Affinito. A loro gli  organizzatori  della manifestazione hanno riservato uno stand esclusivo, all’interno del quale i “vanti” del Villaggio hanno mostrato al  folto pubblico presente  il funzionamento pratico del progetto di robotica legato alla raccolta differenziata dei rifiuti  che è valso loro il titolo di Campioni d’Italia nel settore e la partecipazione alla Finale Mondiale di Saint Louis (U.S.A). In questo contesto, inoltre, gli organizzatori della First Lego League hanno presentato in anteprima  la semifinale per il Centro-Sud Italia (isole escluse) del concorso di scienza e di robotica tra squadre di ragazzi che si terrà il prossimo 15 febbraio 2017  proprio a “Città della Scienza” di Napoli. “La partecipazione a questa ‘festa della Scienza’ – ha dichiarato il Generale Giuseppe Alineri, Commissario Straordinario dell’Ente maddalonese – ha avuto lo scopo di impegnare gli studenti della Fondazione in attività formative previste nell’ambito dei nostri  programmi di alternanza scuola/lavoro. Agli allievi, dunque, è stata data l’occasione di incontrare e confrontarsi  in uno specifico settore con altri studenti e con i rappresentanti del mondo della cultura, della ricerca e dell’innovazione. Quest’anno – ha affermato il Preside Petrone – ci siamo ritagliati uno spazio in questa importante manifestazione durante la quale i nostri studenti  hanno avuto l’occasione di svolgere una funzione attiva, presentando un progetto di robotica che, partito dalla Campania, è stato capace di affermarsi a livello nazionale e mondiale”.