0 00 3 min 6 anni 96

Adriano del Monaco
Uno studio tecnico accurato quello proposto (ed in fase di svolgimento) da parte dell’associazione apartitica Tuttinsieme inerente alla situazione finanziaria del Comune di Maddaloni.
Ecco il comunicato:
“A  Maddaloni ,  mentre  alcuni partiti  politici si trastullano con la lotteria dei candidati a sindaco e altri  si preparano  a  future   gare  primarie”  e secondarie”,    il    MOVIMENTO    CIVICO   APARTITICO  “TUTTINSIEME   per  Maddaloni  “  continua l’esame  degli  atti   e documenti  relativi  al DISSESTO  FINANZIARIO    al   fine  di  evidenziare  la  reale e grave   situazione  economica e finanziaria   in   cui  tuttora  si   dibatte   il   Comune. Per il  momento si pongono  i seguenti ulteriori interrogativi:.
1)E’  Sufficiente il Piano delle ALIENAZIONI IMMOBILARI previsto dall’ENTE  Comunale nel Bilancio Stabilmente Riequilibrato  come  unica  misura  disposta  per il risanamento e il consolidamento della stabilità finanziaria ? Perché  non  è  stato  ancora  avviato ?
2)Azionare  entrate da alienazioni immobiliari  è   idoneo ad un immediato ripiano ,attesa la difficile alienabilità dei pochi  beni e la trascorsa esperienza di tentata vendita degli stessi?
3) Perché  la suggerita  (dallo stesso Ministero  degli Interni) gestione   diretta   dei   servizi  ( consistente in una notevole riduzione di spese e certamente in un aumento di entrate ) non è stata almeno predisposta?
4)Quali  criticità venivano indicate nella relazione  della verifica amministrativa contabile eseguita dall’Ispettore del  MEF dott. TATO’  Vito? Perché  la suddetta relazione ,inoltre, non risulta pubblicata, in barba alla Legge sulla trasparenza degli atti   che lascia moltissimo a desiderare  qui a Maddaloni  ?
5)Quali sono le iniziative  suggerite dalla Prefettura di Caserta con nota n. 29892 del 30/10/2014 per eliminare  le suddette criticità ?
6)A  che  punto  è  la  Commissione  Straordinaria  di   Liquidazione ,attesa  la  obiettiva  urgenza   di  ridurre  al  massimo  possibile  i  tempi   necessari    al  completamento della  procedura  di  risanamento ?
7) Esaminate moltissime deliberazioni della citata Commissione,  si chiede che fine faranno quei crediti non ammessi  ? Daranno vita a nuovi contenziosi ?  E questi si aggiungeranno  ai contenziosi in corso ?
8) Riuscirà la Commissione a sanare il passivo  (ridotto del 50 % ) dei  debiti  richiesti (  relativi al periodo antecedente al  31/12/2011)    con  gli  introiti dell’attivo   sempre  relativo  allo stesso   periodo?
 
Anche  su queste domande  il Movimento aprirà un dibattito con   un  gruppo ristretto di esperti rappresentativi   delle compagini attualmente già aderenti,  non rinunciando a richiedere, ancora una volta,    la partecipazione ad un esame congiunto ,da parte di  tecnici competenti di altri gruppi  e associazioni ,  e   di privati cittadini ,sensibili e desiderosi  di conoscere la reale situazione economica e finanziaria della città.”
Adriano Del Monaco – Tuttinsieme per Maddaloni