0 00 2 min 4 anni 151

MADDALONI- Contabilità del disagio: nel 2017 gli interventi, per la riparazione delle conduttore idriche collassate, sono stati 317. Nel 2018, sono scesi a 160. Quasi dimezzati. L’abbiamo scritto, riscritto e lo riscriveremo ancora: la ghisa o meglio i tubi di ghisa sono la soluzione ai collassi periodici dell’acquedotto comunale. Infatti, l’emergenza resta in via Sant’Eustacchio e via Serao (I tratto) gli unici smodi dove ancora non sono stati messi in opera. Azzerate le perdite in aree celeberrime per gli allagamenti: nel piazzale antistante la scuola media Aldo Moro. Altro crocevia perennemente affetto da importanti perdite dell’acquedotto comunale. Mandati in pensione i tubi in polietilene e le perdite anche in alcuni tratti di via Napoli e via Libertà. Certamente non basta perché altri tubi ammalo rati devono essere sostitutiti. Ma la strategia di procedere alla sostituzione di tubature in ghisa invece del solito rattoppo funziona. La ghisa costa molto di più. Ma sul lungo periodo, visto i disagi ciclici e i costi anch’essi ciclici delle manutenzioni, si riparmia, e di molto anche in termini di sicurezza urbana e tutela della vivibilità.