0 00 2 min 6 anni 87

E’ sempre il pesce più grande a mangiare quello più piccolo. Questa volta, nel mirino dell’Europa, sono finiti i commercianti ambulanti, uno dei motori dell’economia italiana. L’ economia delle nostre città è da sempre sostenuta da fiere settimanali e mercatini rionali, luoghi in cui il commercio sopravvive grazie ad un’offerta di cui possono usufruire soprattutto le fasce di reddito più basse della popolazione.

La direttiva Bolkestein, emanata dall’Europa e recepita dal Governo italiano, prevede, che l’autorizzazione debba essere rilasciata per una durata limitata, che non possa essere previsto un rinnovo automatico e che si debba applicare una procedura di selezione tra i candidati potenziali per l’individuazione del concessionario e demandando ad un’intesa in sede di conferenza unificata l’individuazione dei criteri per il rilascio ed il rinnovo della concessione dei posteggi.

Ciò ha generato chiaramente proteste da parte dei commercianti ambulanti che rischiano di non aver più un luogo dove esercitare la loro attività commerciale.

La Regione Campania ha emanato una delibera in favore di questi lavoratori, chiedendo al Governo di escludere il commercio ambulante da questa direttiva e chiedendo di demandare alle Regioni l’individuazione di ogni utile iniziativa riguardante l’attività di commercio su aree pubbliche da parte di imprese a carattere familiare e/o di piccole dimensioni, anche attraverso idonea iniziativa legislativa o adesione alle iniziative di altre Regioni.

Progetto Maddaloni 2.0 condivide la lotta di questi lavoratori e chiede al commissario Straordinario di sposare la linea proposta dalla regione per garantire nella nostra città la sopravvivenza di questa forma di commercio.