0 00 2 min 6 anni 99

Tir contro Tir in via Calabracito. Non è la cronaca di uno scontro frontale o di un sinistro in un tardo pomeriggio prenatalizio. E’ la cronaca del dramma di una strettoia attraversata in lungo e in largo dai bisonti della strada. Oggi, pomeriggio di grossi autoariticolati si sono incrociati proprio all’altezza dell’immissione tra via Cancello e via Calabricito (prima della doppia curva per intendersi). E per il principio fisico dell’impenetrabilità dei corpi e quello dell’indeformabilità dello spazio, non c’è stata larghezza sufficiente per farli transitare in parallelo. Traffico bloccato, imprecazioni e code. «E’ la solita storia –spiega Francesco Costantino (Comitato di via Grotticella)- di mancanza assoluta di rispetto dei divieti di transito. Ma è anche la storia della tolleranza infinita verso le incursioni dei Tir che hanno trasformato stradine in autostrade. Ed è infine la storia del silenzio complice e colpevole del comune, che supino ai poteri forti, lascia fare: forti con i deboli e debolissimi con i forti». La marcia lungo la strettoia autostradale via Calabricito, arteria di servizio tra l’area metropolitana di Napoli, l’Interporto, le province di Caserta e Benevento, è ripresa dove una laborioso e paziente manovra.