0 00 2 min 4 anni 115

MADDALONI- Riempire le periferie: di servizi e di attività commerciali. La Lega-Noi con Salvini di Maddaloni va controcorrente. E lancia una proposta problematica che suona come una sfida alla rassegnazione: fiera settimanale anche in via Feudo. di questa idea, tutt’altro che balzana, ne parliamo con Peppe Vigliotta il coordinatore cittadini.

La storia si ripete: la Lega parla di lavoro e va nei luoghi dove la sinistra scappa a gambe levate?

La nostra è una proposta molto concreta, basata sulla concreta conoscenze delle difficoltà degli ambulanti locale e di quelli delle periferie. Non voglio avventurami in analisi politologiche. Dico però che, a livello personale da sempre, e a livello politico la Lega (nell’ultimo lustro) c’è un’azione politica che si configura sempre più come movimento in grado di essere sindacato del territorio o interprete del vissuto reale e dei bisogni concreti della gente.

Torniamo alla proposta. Perchè una fiera settimanale in via Feudo?

Per una lunga serie di buonissimi motivi: primo, una parte del mondo dell’ambulantato locale è in cerca di nuovi spazi. E questa potrebbe essere una risposta. Secondo, la periferia dormitorio ha bisogno di di una sveglia: un mercato rionale offre possibilità di rivitalizzazione. Terzo; assecondare la diversificazione delle proposte commerciali significa innescare nuove occasioni di microeconomia anche zonale che, con l’ecatombe del commercio di vicinato, è totalmente sparito. Quarto, un mercato rionale rimette in moto la vita sociale di quelle zone. E potrei continuare a lungo…

Sarà facile arrivare ad aprire la fiera a via Feudo?

Ci stiamo provando. Non nascondo che sussistono problemi amministrativi e burocratici. Ci stiamo muovendo lungo due strade: sondando la disponibilità dei commercianti ad accogliere questa opportunità, Infine, stiamo censendo gli atti burocratici-amministrativi necessari.

A che punto siete?

Si può fare. Posso dire questo. E se si può fare noi ci proveremo fino all’ultimo.