0 00 3 min 3 anni 50

MADDALONI- Doveva essere una audizione di chiarimento. E il chiarimento è arrivato. Nulla si sa dei destini del collettore fognario ex Casmez che periodicamente monda via Cancello. Ma tantissimo si è saputo sulla bontà dei tavoli tecnici (le liturgie celebrate negli ultimi anni), molto si è capito delle mediazioni dei consiglieri regionali di turno e tanto pure dei “copia incollatori” che non divulgano ma ripetono, come i pappagalli, i luoghi comuni tanto cari a chi ha un posto nei luoghi di comando. Abbiamo la raccolto, dalla viva voce, della consigliera Gaetana Crisci le impressioni sull’audizione alla terza commissione “Terra dei Fuochi”.

Avv. Gaetana Crisci

Come è andata? Ci sono novità?

Si è tenuta l’ennesima edizione di un’attività molto amata e molto praticata: il gioco a rimbalzo delle responsabilità. Oggi, addì 4 giugno anno del Signore 2019, abbiamo appreso che dopo trentatrè anni (dicasi 33) l’ ente idrico campano e il ciclo integrato delle acque poco o nulla sapevano del problema delle esondazioni del collettore. Udite, udite. Strano ma verissimo: poco o nulla sapevano. Alla faccia di chi in questi anni ha convissuto o vissuto dentro una fogna.

Il tono sarcastico lascia trasparire una chiara indignazione. Mi sbaglio?

Tutto quello che è accaduto questa mattina è assolutamente vergognoso.

Vergognoso?

Si vergognoso, perché nell’audizione del 20 settembre 2018 invece il consorzio idrico riconosceva il problema e ammetteva l’ esistenza di un project financing datato 1998. Delle due l’una: o è privo di fondamento quello che è stato detto stamattina oppure è senza fondamento quanto detto nel 2018 e negli addietro.

Mi pare di capire che state raccogliendo documentazione per dimostrare le profonde contraddizioni nella linea tenuta dalla regione in questi anni?

Si, certo ma tutto al momento opportuno. Adesso, posso solo testimoniare che siamo all’inverosimile. E’ sconcertante una tale indifferenza perpetrata in danno ai cittadini maddalonesi. E mi astengo dal rammentare quanto è stato detto e promesso negli anni scorsi. Questa storia è una inaccettabile storia di indifferenza. Sono sconcertata.