0 00 3 min 2 anni 17

MADDALONI- La strategia del Movimento Cinque Stelle è sempre la stessa: scegliere un argomento critico, che riguarda la vivibilità cittadina, e fare oggetto di battaglia, petizioni e iniziative a tutto campo. Adesso il nuovo fronte è lo stato di abbandono, degrado, omessa gestione e i rischi presenti presso la villa comunale in piazza don salvatore D’Angelo. Dopo le denunce, i solleciti e le documentazioni arriva la richiesta di chiusura per oggettive criticità nonchè pericoli certificati per i visitatori. Riportiamo la nota:  

Al Sig. Sindaco

                  del Comune di Maddaloni 

                                                                   e p.c.   Al Comandante della Stazione

                dei Carabinieri  di Maddaloni

                                                                               Alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di S. Maria C.V.

Oggetto: Villa comunale sita in piazza Don Salvatore D’Angelo

La sottoscritta Concetta Santo, Consigliere Comunale del Movimento 5 Stelle del Comune di Maddaloni, a seguito di alcune segnalazioni pervenute dai cittadini sulle condizioni della villa comunale sita in Piazza don Salvatore D’Angelo,

premesso che:

  • la villa comunale in oggetto è situata nel centro della città, prospiciente l’attuale casa comunale con ingresso diretto anchedall’interno della villa e la facciata posterioredel  Villaggio dei Ragazzi;
  • la villa in questione è il trionfo del degrado, con giostrine rotte e pericolose, mancanza di illuminazione che, specialmente di sera e di notte, diventa luogo frequentato da tossicodipendenti e spacciatorioltre ad essere ricettacolo di “attrezzi” utilizzati da quest’ultimi;
  • la pavimentazione, le aiuole, i cestini per i rifiuti, gli apparecchi illuminanti, i bagni, tutto risulta deteriorato, guasto e sporco;
  • non basta tagliare l’erbaccia con il decespugliatore, lasciando lo sfalcio a terra, per dare una parvenza di ordine e normalità ma rappresentando anche il rischio di incendio dell’erba essiccata.

Considerato

  • che è indispensabile il ripristino della sicurezza legale e sanitaria di un sito destinato allo svago di cittadini soprattutto in tenera età;
  • che bisogna garantire ai bambini di poterla frequentare e vivere in piena libertà e sicurezza;
  • che urge nell’immediato una riqualificazione e una costante vigilanza;
  • chei nostri bambini devono poterla vivere in piena libertà e sicurezza.

Tanto premesso e considerato, la scrivente

chiedealla SS.VV.

la chiusura immediatadella suddetta Villa comunaleal fine di:

  1. tutelare l’incolumità dei frequentatori della stessa dai pericoli presenti in essa mediante la messa in sicurezza dell’intera area;
  2. garantire la tutela della salute collettiva attraverso misure di controllo e vigilanzadella salute dei cittadini e della salubrità degli ambienti;
  3. sollecitare l’intervento delle forze dell’ordine per combattere il fenomeno della  frequentazione dei tossicodipendentie spacciatori.

Certa di un rapido intervento per la risoluzione della problematica esposta, porge distinti saluti.