0 00 4 min 5 anni 97

I due candidati alle primarie

 
Altro che stop alle polemiche, il candidato alle primarie della coalizione di centrosinistra, Flavio Smarrelli, punge ancora una volta il suo avversario Razzano. Non è la prima stoccata che Smarrelli rifila a Razzano ma questa volta giunge la replica.
Ecco i comunicati:

«Le affermazioni del mio avversario alle primarie, mi lasciano sorpreso, non tanto per il goffo tentativo di delegittimare la mia figura, quanto per l’assenza di visione politica. L’unico endorsement che ho chiesto è quello che Domenica mi daranno i cittadini che mi sceglieranno come candidato della coalizione di centrosinistra». A dichiararlo è il candidato alle primarie del centrosinistra Giuseppe Razzano che ribatte in maniera netta e decisa alle affermazioni del suo antagonista. «Oggi per mettere un #puntoeacapo e aprire una nuova stagione è indispensabile che Maddaloni esca da quella condizione di isolamento in cui è piombata in questi anni – ha sottolineato Razzano – per ritrovare il protagonismo che merita. La città ha bisogno che, sin da subito, si costruiscano una rete di relazioni sovracomunali che le permettano di essere parte attiva in tutti i processi importanti che vanno dalla pianificazione dei servizi a quella delle infrastrutture. E’ questo lo spirito della mia candidatura che è stato compreso da tantissimi esponenti istituzionali del Pd e del centrosinistra che hanno deciso di sostenere il mio progetto e di mettersi al mio fianco per il bene di Maddaloni».

Ecco quanto dichiarato precedentemente da Smarrelli:

Ad una settimana dalle primarie con le quali i maddalonesi sceglieranno il candidato sindaco della coalizione di centrosinistra, è necessario che si riparta dai problemi e dai bisogni che riguardano la nostra comunità.

Abbiamo sempre ritenuto doveroso rivolgere uno sguardo attento ed esclusivo nei confronti del territorio, perché crediamo sia doveroso sfruttare l’opportunità del collegamento tra i vari livelli istituzionali a vantaggio della città di Maddaloni.

In questi anni la colpa più grave delle politiche del centrodestra è stato quello di rendere la città strumento nelle mani degli interessi sovracomunali ed è anche contro questa idea di politica che abbiamo deciso di costruire il nostro percorso. Ci tocca constatare che questa visione non risulta una priorità dall’altro candidato. Mentre lui  rincorre l’endorsement dei referenti istituzionali regionali e nazionali del Partito Democratico, noi ripartiamo dai maddalonesi.

In alternativa a qualsiasi proposta calata dall’alto, invitiamo tutti i cittadini che si rivedono nel nostro progetto di centrosinistra e che amano la propria città a sostenere la nostra idea di riscatto, per una politica  indipendente che nasca dal territorio e decida  per il territorio.

Ripartiamo  da  Maddaloni, ritorniamo ad essere protagonisti lavorando esclusivamente per la nostra città.

Ritroviamo insieme la voglia di partecipazione e il coraggio  di rivedere nuovi orizzonti di sviluppo.

Ripartiamo dalla tutela dell’ordinario e dai bisogni  della collettività.