0 00 1 min 3 anni 126



MADDALONI- L’emergenza non è finita. Si continuano a raccogliere elementi utili all’indagine sui roghi al mercato ortofrutticolo ormai dichiaratamente di matrice dolosa. Dopo la denuncia a piede libero di un operatore, le indicazioni dei Vigili del Fuoco hanno scongiurato il sequestro dell’area esterna dove è avvenuto l’ultimo grande rogo. Disposto lo sgombero della stessa, l’isolamento dal resto della struttura e l’avvio della rimozione del materiale combusto. E come al solito il problema è procedurale e di costi: bisogna verificare se deve essere rifatta daccapo la procedura di caratterizzazione preliminare allo smaltimento dei rifiuti speciali oppure si si possono utilizzare le analisi già fatte per altri roghi. C’è una sola certezza che il nuovo rogo aumenterà i costi dello smaltimento. E tutto sarà eseguito attingendo ai fondi già scarsi garantiti dal gettito magrissimo della Tari. Ma l’attesa è tutta per ulteriori sviluppi delle indagini.