0 00 2 min 2 anni 42

MADDALONI- La situazione diventa, giorno dopo giorno, sempre più grave. I disagi aumentano e pure l’insofferenza. Abbiamo chiesto al sindaco Andrea De Filippo cosa intende fare l’amministrazione contro questa crisi nella gestione dei rifiuti innescata da problemi aziendali, organizzativi e sindacali.

Andrea De Filippo

Sindaco la situazione è grave. Cosa state facendo?

Premesso che non esistono oggettivi elementi che giustifichino qualsivoglia omissione e interruzione di pubblico servizio ci stiamo muovendo su tre fronti.

Può essere più preciso?

Il primo: tutte, e dico tutte, le carenze, i disagi e i servizi non resi sono stati trasformati in altrettanti sanzioni e penali. E’ nella nostra facoltà e la eserciteremo fino in fondo.

Primo punto fermo. Poi?

Ho chiesto formalmente l’intervento del Prefetto. Esiste un problema di interruzione di pubblico servizio non indotto ma cause esterne; un problem igienico-sanitario creato e anche un problema di ordine pubblico. Ho documentato, con dovizia di particolari, che siamo parte lesa di atteggiamenti difficilmente comprensibili.

E terzo?

Ho ordinato alla ditta di eseguire la immediata pulizia delle strade. Ho firmato che è perentoria e non negoziabile. In caso. di inottemperanza, ci avvarremo di una facoltà normativa chiara: ricorreremo al una ditta sostitutiva per pulire il territorio. Queste sono condizioni non negoziabili. Il comune è in regola con i pagamenti. Ha diritto ad un servizio di igiene ambientale decoroso. Ogni fatto e disservizio sarà segnalato alla autorità di controllo e alle autorità sanitarie. Ma andremo oltre: chiederemo un intervento dell’autorità giudiziaria.