0 00 1 min 5 anni 95


La formazione giovanile del Partito Democratico cambia nome e simbolo e prosegue il percorso politico con il candidato alle primarie di coalizione del centrosinistra, Flavio Smarrelli.
Un’azione preventiva, forse, quella dei Giovani Democratici che avevano intuito che, prendendo le distanze con il vincitore delle primarie, Peppe Razzano, sarebbero andati incontro ad un probabile commissariamento.
Gongola dunque Flavio Smarrelli che continuerà ad avere il sostegno dei ragazzi che l’hanno supportato in quella traversata delle primarie e alimenta così l’obiettivo di riproporsi come candidato sindaco, non più a capo della coalizione di centrosinistra, ma bensì avverso allo “Scacchiere Picierniano” che tanto aveva sostenuto in sede di campagna elettorale per le consultazioni interne quando assicurò l’appoggio incondizionato a Razzano in caso di eventuale vittoria.
Nel 1984 Fiorella Mannoia cantava “Come si cambia per non morire”…
In calce all’articolo, il comunicato degli ormai ex rampolli Democrat.

Il comunicato dei (non più giovani) Democratici