0 00 3 min 5 anni 32


 

Ecco la parte concreta, preparata e competente, finalmente lontana dai dissapori, si è mostrata ieri, 29 maggio 2017, nella sede del Movimento Cinque Stelle di Maddaloni in via Sergente del Monaco, in occasione di uno degli incontri di presentazione del programma elettorale in vista delle elezioni amministrative dell’11 giugno 2017.

All’evento oltre ai cittadini hanno preso parte alcuni rappresentanti del movimento penta stellato eletti in ambito nazionale (Sen. Sergio Puglia, On. Tiziana Ciprini e On. Luigi Gallo).

Reddito di cittadinanza comunale: è questa una delle proposte del candidato sindaco del Movimento Cinque Stelle, Giulio Carfora, che dice: “È nostra intenzione – spiega – introdurre il reddito di cittadinanza comunale, così come fanno già da due anni gli amministratori M5S di Livorno”.

“Se riusciremo – continua il candidato a sindaco Carfora – sarà una misura tampone in attesa che una legge nazionale, ci metta al pari o all’avanguardia rispetto agli altri paesi europei”.

“Vogliamo ricordare – ha poi aggiunto – che il progetto nazionale di reddito di cittadinanza del M5S prevede: sostegno al reddito condizionato alla formazione e al reinserimento nel mondo del lavoro e al rispetto di determinati obblighi (esempio rendersi subito disponibile a lavorare, attivarsi nella ricerca attiva di un lavoro, offrire un piccolo contributo in favore della collettività in base alle proprie competenze, non rifiutare più di tre proposte di lavoro, ecc.); una conseguente manovra economica che contribuisce a far aumentare i consumi dei beni primari, e con essi, i profitti delle aziende. Aziende che, grazie alla ripresa delle proprie vendite, potranno assumere lavoratori, rimettendo in moto l’economia reale del Paese, non quella virtuale delle banche; l’introduzione di un salario minimo orario; l’implementazione delle politiche attive del lavoro, il rafforzamento dei Centri per l’impiego e la promozione di nuova impresa destinando importanti risorse economiche anche per le start up innovative”.

“Quindi – spiega Carfora – non è minimamente un incentivo a non andare a lavorare, ma un incentivo all’economia e alla creazione di nuovi posti di lavoro. L’unico modo per liberare le persone dalla miseria e restituire loro la dignità. Con il progetto del reddito di cittadinanza sia nazionale che comunale siamo nel giusto, Con noi nessuno deve rimanere indietro”.