0 00 3 min 2 anni 120
Tre di giorni di gare ed emozioni per coronare il sogno olimpico: le serie veloci saranno trasmesse in diretta da Rai Sport + HD giovedì e venerdì dalle 17:00 e sabato dalle 16:00

Il nuoto azzurro, a circa quattro mesi dal Sette Colli, torna in vasca nella consueta rassegna invernale nazionale. In palio titoli e qualificazione alla rassegna a cinque cerchi in programma a luglio in Giappone. Grandi numeri per l’edizione 2020 degli Assoluti Invernali Open, che andranno in scena nella vasca di Riccione da domani al 19 dicembre. 409 atleti in gara, 201 uomini e 209 donne, 112 club iscritti con 847 presenze gara senza staffette.

Il programma della manifestazione è stato modulato come avvenuto in occasione degli Internazionali di Nuoto ed i tempi limite da centrare sono gli stessi dei precedenti campionati invernali. Poi ci sarà l’altra finestra ai primaverili (27-31 marzo) con tempi di ammissione ai Giochi leggermente più alti e quindi le eventuali integrazioni alle staffette.

Siamo ormai a poche ore dall’inizio di un campionato che ha vari aspetti particolari – dichiara il direttore tecnico della squadra nazionale Cesare Butini. La manifestazione s’inserisce in un momento molto complesso da un punto di vista sanitario ed economico. È un evento fortemente voluto dallo staff tecnico e dal management federale per dimostrare l’esistenza di una realtà come quella sportiva molto ben radicata nel tessuto sociale ed economico nazionale“.

Svelata la targa per onorare Bartali e gli sportivi ebrei perseguitati dalle leggi razziali

Dal punto di vista tecnico sarà un campionato valido per l’ottenimento del pass olimpico

Il regolamento è rimasto invariato rispetto allo scorso anno sia come procedure che come tempi limite – continua Butini. Sono stati confermati gli atleti che avevano acquisito il pass ai campionati del dicembre 2019. C’è tanta voglia di tornare a gareggiare. Ci sono buone aspettative da alcuni atleti come Miressi, Frigo, Martinenghi, Acerenza, Paltrinieri, Rivolta, Ceccon, Pilato, Castiglioni, Carraro, Di Liddo, Bianchi. Purtroppo, oltre alle defezioni a causa del Covid o post Covid (Detti, De Tullio, Megli, Panziera, Quadarella, Toni) o per infortunio (Scozzoli), ci saranno altri atleti la cui partecipazione è condizionata da una una preparazione compromessa dallo stop a causa Covid (Pellegrini)“.

Tra chi vuole dimostrare di meritare le Olimpiadi c’è anche il bicampione mondiale e tricampione europeo dei 100 stile libero Filippo Magnini, che torna sui blocchi a trentotto anni e a tre anni dal ritiro dopo aver vinto la sua battaglia più grande. Ovvero esser stato scagionato dalle infondate accuse in materia di doping. Le gare si svolgeranno a serie con gruppi di atleti contingentati e tamponati (così come dirigenti, tecnici, giudici e operatori) per prevenire e ridurre al minimo il rischio di contagio da Covid-19.

Fonte: Ufficio Stampa Coni

PER TUTTE LE NOTIZIE DI GIORNALENEWS CLICCA QUI