0 00 2 min 2 anni 130

MADDALONI- Buon senso, per favore. Senso di responsabilità e sano realismo. Il Pd chiede un “passo indietro e la sospensione delle ispezioni domiciliari agli impianti termici”. Almeno, per il momento.

“Non è il momento di essere a favore o contro qualcuno o qualcosa. E’ il momento di essere tutti dalla stessa parte. In un momento, in cui si chiede il rispetto rigoroso del distanziamento sociale è buona norma, buona prassi e buon senso soprassedere. Le ispezioni possono essere sospese”

Così si esprime il Pd.

Gaetano Correra cosa chiedete?

Siamo realisti e seri. Non è questo il momento di chiedere alle persone di aprire delle proprie case ai tecnici. Sarebbe una contraddizione: da una parte, si vuole che si viva distanziati anche con gli affetti più cari e poi si impone di incontrare estranei.

E quindi?

Quindi, fermiamo tutto. I controlli si facciano comunque ma in un altro momento. Quando la situazione pandemica lo consentirà ci sarà tutto il tempo per fare tutti i controlli di questo mondo. Ma oggi, cioè in queste settimane difficili francamente è meglio di no. E poi vanno tutelati anche gli operatori di Terra di Lavoro chiamati a lavorare in una condizione di oggettivo rischio.

Cosa chiedete?

Due cose semplici. Alla Provincia di differire i termini di quei controlli che coincidono con una condizione pandemica non favorevole.

E al Comune?

Il comune deve formalmente subito chiedere la sospensione dei controlli sul territorio. Premesso che reputiamo i controlli un’ennesima tassa che abbiamo da sempre avversato, credo che oggi valga il principio di prevenzione. Sospendere, a tempo determinato tutte le ispezioni, si può e si deve fare. Il tutto in attesa di un contesto sanitario positivo che tutti ci auguriamo arrivi il prima possibile per tutti.