0 00 3 min 5 mesi 74
Gli alunni della scuola secondaria di primo grado “De Gasperi” e della scuola primaria “San G. Bosco”, con gli insegnati e la guida Giusy Ievoli, si sono confrontati con la storia del piccolo borgo

Il Maggio dei Monumenti è il progetto che l’I.C. Maddaloni 2-Valle di Maddaloni ha appena concluso : venerdì 29 gli alunni dei plessi del Comune di Valle di Maddaloni hanno completato le visite storiche sul territorio. Le uscite hanno coinvolto gli alunni della Scuola secondaria di primo grado “De Gasperi” e la Scuola Primaria “San G. Bosco” di Valle di Maddaloni nei giorni 5, 17 e 29 maggio : guidati dalle insegnanti e dalla guida locale Giuy Ievoli, hanno ripercorso alcuni tratti della storia del piccolo borgo . La passeggiata ha avuto inizio dai resti dell’antico castello medioevale per proseguire poi nella Chiesa Parrocchiale di San Pietro Apostolo del XVI-XVII sec. e nella Casa Comunale dove sono custoditi due affreschi, la Madonna Coronata con Gesù adolescente e Sant’Antonio Abate Benedicente dell’XI sec. recuperati dalla ormai diruta Chiesa di San Pancrazio Vecchio ed infine nella Chiesa dell’Annunziata del XVI sec.
Le visite si sono svolte nel rispetto del norme anti COVID-19. Il progetto ha avuto come obiettivo quello di stimolare la curiosità dei ragazzi, far prendere loro coscienza di ciò che la storia ci tramanda attraverso le testimonianze concrete presenti nel nostro territorio e, per quanto possibile, far conoscere e recuperare la memoria di beni che appartengono alla comunità. Attraverso la conoscenza diretta del territorio, la presa di coscienza dei suoi cambiamenti e con lo studio delle radici e delle tradizioni locali, il fine ultimo dell’Istituto è di stimolare nei ragazzi il senso di appartenenza alla comunità di origine, nonché un interesse costruttivo e positivo per i beni ed i servizi comuni ed il rispetto del territorio. Solo suscitando sin da piccoli tali sentimenti potremo avere una comunità attiva, collaborativa e consapevole. Si è certi che questo percorso possa contribuire, in modo determinante, a favorire la crescita delle capacità umane ed intellettuali dei nostri giovani. In questo modo l’Istituto si propone di contribuire alla valorizzazione del proprio
territorio, al recupero e alla conservazione della memoria collettiva proponendo un’offerta formativa differenziata e articolata, così da rispondere alle diverse esigenze dei destinatari.