00 3 min 4 settimane

Gli interventi di Rete Ferroviaria Italiana (società capofila del Polo Infrastrutture), rientrano nell’ambito del più ampio progetto di ammodernamento e accessibilità della stazione ferroviaria in provincia di Caserta attraverso l’installazione di due nuovi ascensori a servizio dei due marciapiedi di stazione e di idonei percorsi e mappe tattili per persone ipovedenti; l’adeguamento degli accessi alla stazione con l’abbattimento delle barriere architettoniche e l’installazione di una nuova segnaletica di stazione; la realizzazione di nuovi impianti di illuminazione dotati anche di luci di emergenza e diffusione sonora.

L’opera ha richiesto, complessivamente, un investimento di circa 2,5 milioni di euro con l’impiego di tre ditte specializzate, oltre alla supervisione tecnica di RFI durante tutte le fasi di lavorazione.

L’intervento rientra nel Piano Integrato Stazioni che Rete Ferroviaria Italiana ha in atto in tutta l’Italia. Per la regione Campania oltre 25 stazioni hanno lavori in corso o programmati entro il 2025 per il miglioramento di accessibilità, abbattimento delle barriere architettoniche, incremento di funzionalità e decoro e potenziamento dell’informazione al pubblico e 13 stazioni hanno già concluso gli interventi.

Apre al pubblico da questa mattina il nuovo sottopasso pedonale nella stazione di Santa Maria Capua Vetere sulla linea Napoli-Roma (via Cassino).

Gli interventi di Rete Ferroviaria Italiana (società capofila del Polo Infrastrutture), rientrano nell’ambito del più ampio progetto di ammodernamento e accessibilità della stazione ferroviaria in provincia di Caserta attraverso l’installazione di due nuovi ascensori a servizio dei due marciapiedi di stazione e di idonei percorsi e mappe tattili per persone ipovedenti; l’adeguamento degli accessi alla stazione con l’abbattimento delle barriere architettoniche e l’installazione di una nuova segnaletica di stazione; la realizzazione di nuovi impianti di illuminazione dotati anche di luci di emergenza e diffusione sonora.

L’opera ha richiesto, complessivamente, un investimento di circa 2,5 milioni di euro con l’impiego di tre ditte specializzate, oltre alla supervisione tecnica di RFI durante tutte le fasi di lavorazione.

L’intervento rientra nel Piano Integrato Stazioni che Rete Ferroviaria Italiana ha in atto in tutta l’Italia. Per la regione Campania oltre 25 stazioni hanno lavori in corso o programmati entro il 2025 per il miglioramento di accessibilità, abbattimento delle barriere architettoniche, incremento di funzionalità e decoro e potenziamento dell’informazione al pubblico e 13 stazioni hanno già concluso gli interventi.

Redazione