00 3 min 2 mesi

Emozioni natalizie per i bambini dell’Ospedale Santobono-Pausillipon di Napoli. A cercare di strappare un sorriso ai piccoli pazienti ed alle loro mamme ci hanno provato l’hairstylist C1r0 e l’Associazione Centro Ester con una iniziativa tutta incentrata all’interno del presidio ospedaliero napoletano.
L’hairstylist C1r0 ed il suo staff sono stati in visita ai pazienti con piccoli doni per rendere il loro soggiorno nella struttura più piacevole, per le loro mamme la possibilità di usufruire anche dei servizi dedicati ai capelli.
“Abbiamo voluto sposare questo progetto con grande entusiasmo. Abbiamo donato giocattoli e vestitini da distribuire ai piccoli che trascorrono al Santobono quelli che dovrebbero essere i giorni più belli dell’anno” spiega il presidente del Centro Ester Pasquale Corvino. “Conosciamo da tempo C1r0, il barbiere degli ultimi ed essere al suo fianco in questa iniziativa è l’inizio di un percorso comune che sicuramente di compiere altri passi importanti al fianco dei più bisognosi”.

Si tratta del primo evento di queste festività natalizie, il Centro Ester rilancia anche “il giocattolo sospeso”: tutti i cittadini possono portare doni presso l’associazione Centro Ester in via Gianbattista Vela n.91 a Barra. Sarà cura dei volontari del Centro Ester recapitarli ai piccoli destinatari nel corso delle festività.
L’hairstylist  C1r0 è balzato agli onori della cronaca da quando ha cominciato a girare per le strade di Napoli con una sedie pieghevole, un pettine e un paio di forbici per regalare un taglio ai clochard. Utilizza un cappuccio sulla testa, una sciarpa a coprire il volto e il numero 10 sulle spalle, quello del “Dios”, Diego Armando Maradona.  La scelta dello pseudonimo non è casuale.  Nell’acronimo C1R0 ci sono l’1 e lo 0 compongono il 10, il numero di Diego Armando Maradona, il Dios.
“Per i piccoli abbiamo scelto la maschera di Spiderman per muoverci all’interno dell’Ospedale Santobono. Da sempre affermiamo che chiunque nel suo piccolo può dare una mano a chi si trova in difficoltà, mettendo a servizio del prossimo le proprie capacità. Unendo le forze possiamo raggiungere traguardi sempre più importanti”.

Redazione