00 2 min 2 settimane

Nell’ambito della quotidiana attività di prevenzione generale e di controllo del territorio coordinata dal Comando
Provinciale della Guardia di Finanza di Avellino, tesa a contrastare fenomeni di evasione fiscale e abusivismo, è
stato scoperto un soggetto che esercitava illecitamente la professione di dentista.
In particolare, nei giorni scorsi, le Fiamme Gialle del Gruppo di Avellino, dirette dal Magg. Silverio Papis, a
seguito di attività info-investigativa, hanno individuato e sottoposto a sequestro uno studio dentistico ubicato in
Contrada (AV), gestito da un odontotecnico che esercitava la professione medica odontoiatrica senza mai aver
conseguito la relativa laurea magistrale, né la specializzazione ed iscrizione all’Ordine dei Medici Chirurghi e
degli Odontoiatri.
Nel corso dell’intervento, i militari hanno constatato la presenza di un “riunito dentistico”, di attrezzatura e
strumentazioni specifica per la professione odontoiatrica, di altri materiali ad uso dentistico, farmaci, nonché
documentazione varia.
Tutto il materiale presente presso lo studio è stato sottoposto a sequestro probatorio, unitamente alla
documentazione rinvenuta, che risulterà utile anche alla ricostruzione del volume d’affari dello studio abusivo,
per il recupero a tassazione degli introiti illecitamente accumulati e sottratti all’imposizione fiscale.
Il soggetto di anni 58, residente a Mercato San Severino (SA), è stato denunciato all’A.G. di Avellino per il reato
di “esercizio abusivo della professione”, ex art. 348 del Codice Penale.
L’attività di servizio testimonia il costante impegno delle Fiamme Gialle irpine volto a garantire uguali
condizioni di lavoro per tutti gli operatori sanitari, in un’ottica di rispetto dei principi di libera concorrenza, a
tutela della gran parte dei professionisti onesti e rispettosi delle regole.
Si rappresenta che il procedimento penale è in fase di indagine preliminare e che, per il principio di presunzione
di innocenza, la responsabilità delle persone sottoposte ad indagini sarà definitivamente accertata solo ove
intervenga sentenza irrevocabile di condanna.

Redazione