00 3 min 2 mesi

MADDALONI- Prima tappa dell’anno per “Innamòrati di Te”, il progetto itinerante ideato e organizzato da Codere Italia – multinazionale di riferimento nel settore del gioco legale – che vuole tenere sempre alta l’attenzione su un dibattito volto al
contrasto della violenza di genere. La sedicesima edizione è ospitata nella Sala Iorio della Biblioteca Comunale di Maddaloni, alle
porte di Caserta, con il patrocinio della Regione Campania, del Comune di Maddaloni, di FERPI – Federazione Relazioni Pubbliche Italiana, degli Stati Generali delle Donne e Città delle Donne. L’incontro propone un momento di confronto per fare il punto sul fenomeno della violenza di genere sul territorio e focalizzare l’attenzione sul lavoro come strumento in grado di cambiare la vita, aiutare l’inserimento o il reinserimento nella società civile per creare un’indipendenza economica in grado di riscattare, in parte, la vittima dalle forme di violenza. “Le donne rivestono un ruolo determinante anche nel mercato del lavoro, ma il loro talento è sovente mortificato: mal retribuite, spesso precarie e relegate per lo più nei settori poco strategici. Le donne devono lottare quotidianamente per farsi strada! – dichiara Armida Filippelli, Assessore alla Formazione Professionale della Regione Campania. La Formazione Professionale è da questo punto di vista uno strumento di empowerment ed inclusione imprescindibile. Promuoverne la parità di accesso e favorire l’apprendimento permanente lungo tutto l’arco della vita di competenze tecniche e trasversali sono, dunque, azioni alla base dell’inserimento e reinserimento nel mercato del lavoro. Nostro obiettivo è potenziare il sistema regionale e fare della Formazione rivolta alle donne la chiave di volta per un futuro di indipendenza e riconoscimento sociale”. Dall’inizio del programma GOL-Garanzia Occupabilità Lavoratori della Regione Campania sono state prese in carico 149.305 donne. Nel dettaglio: 44.298 nel 2022, 90.857 nel 2023 e 14.150 dall’inizio dell’anno al 13 febbraio 2024. La fascia d’età 15-29 anni rappresenta il 25%, quella 30-54 anni il 59% mentre il 16% è over 55 anni. “Oltre a potenziare la rete di protezione contro la violenza, istituzioni e associazioni devono anche scardinare quel maschilismo che limita la crescita delle donne nella società, evidenzia Angela Sferragatta, Consigliera comunale di Maddaloni, consigliera provinciale di
Caserta e Assessora provinciale alla pubblica istruzione. Le due azioni vanno condotte in maniera parallela e con la stessa incisività. La maternità al giorno d’oggi non può continuare a rappresentare un limite. Se leggiamo i dati dell’Istat del settembre 2023 sull’occupazione di persone con contratti a tempo determinato, notiamo che la precarietà vede ancora come protagoniste assolute le donne con una forbice che si allarga ulteriormente al Mezzogiorno. Le istituzioni hanno l’obbligo di attuare politiche chiare tese ad invertire la rotta”.

Redazione