00 5 min 3 settimane

Non arriva la terza vittoria consecutiva per la Paperdi Caserta, che si arrende al PalaBorsani, casa della SAE Scientifica Legnano per 105-100 al supplementare. Bianconeri che sono autori di una partita di grande orgoglio, ma devono inchinarsi allo strapotere di Nik Raivio, autore di una partita da 43 punti, 9 rimbalzi e 9 falli subiti per un roboante 55 di valutazione. Non bastano delle percentuali migliori, con la squadra di Ciro Dell’Imperio che può recriminare sui tanti liberi concessi ai lombardi: 34 a 20 in totale. In effetti, come detto, i bianconeri hanno tirato meglio da 2 (63% contro il 42%), da 3 (44% contro il 42%) ed hanno avuto la stessa percentuale ai liberi (85%) oltre a conquistare sette rimbalzi in più (34-27)

L’inizio bianconero è folgorante: quattro tiri e quattro canestri, di cui due pesanti di Cavallero e Alibegovic, ed è 0-10 dopo poco più di due minuti. Legnano risponde con il talento di Raivio, riportando i suoi sotto sull’8-11, ma la Juve è brava a non perdere colpi grazie ad una buonissima difesa sugli esterni che permette qualche transizione facile. L’appoggio in solitaria di Mastroianni è il massimo vantaggio bianconero sul +12, con i padroni di casa che provano a ricucire con i tiri liberi di Raivio e Fragonara per il 19-27 del 10′.

I Knights però non ci stanno e iniziano a muovere il pallone in maniera sapiente liberando i propri esterni. Sono Raivio e Fragonara a dare un segnale concreto iniziale, prima che la tripla di Casini al 13′ riporti i padroni di casa sotto di una lunghezza (29-30). La Juve però reagisce con Lucas, Vitale e Sergio riprendendo due possessi di vantaggio; l’andazzo vede Legnano inseguire e toccare anche in due occasioni il pari con un gioco da quattro punti di Marino ed il libero di Fragonara, prima che una gita in lunetta di Paci non fissi il punteggio dell’intervallo lungo sul 46-48.

I bianconeri continuano a rispondere colpo su colpo e dopo tre minuti del terzo parziale riescono anche a tentare un’ulteriore minifuga con il canestro di Paci ed i liberi di Cavallero (50-57), ma entra in gioco la variabile Nik Raivio che inizia a crivellare il canestro. Tiro dopo tiro riporta Legnano in avanti al 27′ (64-63) e concede ai suoi di chiudere il terzo quarto in vantaggio sul 73-69.

Lo statunitense continua a segnare anche bendato e regala il +6 al 32′ sul 77-71, ma dopo essere uscita dal campo la Juve si rianima. Otto punti in fila di Donato Vitale e i liberi di Mastroianni riportano la Paperdi in vantaggio sul 79-81, la forbice si allarga fino al 85-91 del 37′ per un parziale di 20-6 in favore dei viaggianti. Caserta cerca di reggere con il canestro di Paci sul 89-93 nell’ultimo minuto, ma i canestri di Sipala e Planezio firmano il pari. Raivio va in lunetta a 18” dal termine ma fa uno su due, dall’altra parte Sergio lo imita; nell’ultima azione Marino perde il pallone e la preghiera di Vitale non va a buon fine per evitare di andare sul supplementare nel 94 pari.

Nell’extratime le due squadre sono stanchissime e Legnano riesce a smuovere il punteggio con i tiri liberi di Raivio: Alibegovic e Paci tengono viva la speranza, ma nell’ultima azione arriva l’ennesimo fallo su Raivio ed il tecnico di frustrazione a Paci che chiudono la partita.

SAE Scientifica Legnano-Paperdi Caserta 105-100 dts

(19-27, 46-48, 73-69, 94-94)

Legnano: Raivio 43 (11/19, 3/5), Marino 12 (1/2, 3/6), Sipala 11 (2/3, 0/1), Fragonara 11 (1/1, 2/3), Sacchettini 11 (4/8, 0/0), Casini 6 (0/0, 2/4), Planezio 6 (2/2, 0/3), Scali 3 (1/5, 0/2), Ponziani 2 (1/2, 0/0), Amorelli NE, Pirovano NE, Ghigo NE. All. Piazza

Caserta: Paci 26 (10/15, 0/0), Vitale 25 (5/8, 5/9), Cavallero 12 (2/6, 1/4), Alibegovicc 10 (2/3, 2/4), Mehmedoviq 9 (3/3, 0/0), Sergio 8 (2/3, 1/3), Mastroianni 7 (1/1, 1/2), Lucas 3 (0/1, 1/2), Pagano (0/0, 0/1), Pisapia NE. All. Dell’Imperio.

Arbitri: Quadrelli di Santa Maria Hoè (LC), Curreli di Assemini (CA)

Legnano: Tiri liberi 29/34, rimbalzi 27 8+19 (Raivio 9), assist 17 (Marino 9)

Caserta: Tiri liberi 17/20, rimbalzi 34 9+25 (Sergio 10), assist 17 (Cavallero, Vitale e Sergio 4)

Redazione