00 2 min 3 settimane

MADDALONI- Sta prendendo forma «Il Sentiero della Fede di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte». Ma la configurazione è molto diversa e rimaneggiata rispetto al progetto originario e quello annunciato. L’intervento è stato profondamente modificato, secondo le direttive della Soprintendenza. Il tracciato che, lungo la collina fiancheggia il castello, non sarà pavimentato. In alternativa, la Soprintendenza aveva chiesto materiali molto diversi da quelli previsti. Confermato invece il ripristino degli antichi scalini (in parte franati), il recupero dei piazzali e le aree della via Crucis. Facendo ricorso ai criteri di ingegneria ambientale saranno collocati passamano e punti di contenimenti in legno. Quest’ultimi sono la parte più visibile che accoglie i visitatori e i pellegrini che periodicamente si recano al Santuario. Si tratta di un intervento ridimensionato che comunque colpisce molto l’immaginario popolare. C’è chi è contento e chi è perplesso. C’è malumore per lo slittamento dei tempi, il ridimensionamento di un intervento atteso da anni e che doveva durare solo sei mesi. Ma il progetto va avanti e c’è grande curiosità. Confermando l’utilizzo dei fondi del Por Fesr Campania 2014-2020, nell’ambito degli interventi finalizzati alla riqualificazione ai fini del recupero e/o alla messa in sicurezza dei Santuari della Campania, si procederà a evitare l’obliterazione del cammino. Restano aperti gli interrogativi sulla manutenzione delle are riqualificate e la gestione del verde che minacciare la tenuta delle strutture messe in opera.

Redazione