0 00 3 min 2 mesi 842

MADDALONI- Meglio del previsto. Punto sul cronoprogramma di completamento del nuovo Ponte Vapore. Completati gli interventi strutturali è cominciata la fase di allestimento dei sottoservizi, Date alla mano, come al solito, facciamo il punto documentato sul reale stato di avanzamento dei lavori con l’on. Antonio Del Monaco (M5S).

Si vede ad occhio che gli interventi strutturali sono in fase avanzata. A che punto è il completamento del nuovo Ponte Vapore?

Possiamo dire, senza timore di essere smentiti, che il cronoprogramma non solo è stato rispettato ma che, finalmente, si è in anticipo sui tempi di consegna e completamento delle opere.

Possiamo entrare nel merito? Cosa manca e quando sarà fatto?

Fatte tutte le opere strutturali, manca il completamento o ripristino dei sottoservizi che sono stati delocalizzati sulla trave laterale. E proprio su questo argomento, ci sono novità molto significative e positive. Già sono stati ripristinati i collegamenti telefonici e la fibra all’interno degli alloggiamenti creati nel nuovo impalcato.

La parte più complicata è la ricollocazione del metanodotto ad alta pressione?

E su questo c’è una importante e significativa novità. Pronti anche i collegamenti elettrici, sono stati fissate anche le dati per lo spostamento del metanodotto da Italgas per i giorni 11 e 20 ottobre. Disposti anche gli impianti di illuminazione pubblica.

E la collocazione dell’asfalto?

Comincerà dal 20 ottobre fino alla conclusione dei lavori fissata per il 30/31 ottobre. Le opere finali saranno di completamento della carreggiata da nove metri e i marciapedi per il transito pedonale da 1,50 metri.

Così si conclude la costruzione del nuovo Ponte Vapore poi manca la parte burocratica finale?

La parola passa alla Procura della Repubblica che dovrà proceder al dissequestro dell’area. Non bisogna mai dimenticare che l’area è sottosequestro. Urge avviare le procedure per ottenere la riapertura al transito a novembre.

Ma con la Procura vi sono altre questioni in sospeso sulle tante irregolarità presenti su tutta via Cancello…

Adesso, il primo obiettivo è concludere i cantieri e aprire il Ponte. Un passo alla volta: poi affronteremo le questioni delle anomalie, abusi e irregolarità e quella della regolamentazione dei flussi veicolari.