0 00 2 min 1 mese 435

MADDALONI- La periferia non si ribella. Il consiglio comunale, popolato dalla tre scimmiette, non vede, non sente e non parla. Così, ancora una volta è il Comitato Abc, carte alla mano, a sollevare i problemi veri e taciuti di via Cancello. Tutti sanno. Tutti vedono e nessuno parla a cominciare da chi si sbatte per occupare le istituzioni locali e le varie commissioni inutili pagate con i soldi dei contribuenti. Documenti, ancora una volta, in Procura e segnalazioni a pioggia tutte le autorità competenti. Il Comitato Abc sollecita e il comando provinciale dei Vigili del Fuoco risponde. Quello che si vive lungo l’ex provinciale Nola-Caserta, “Non è un problema di tutela urgente della sicurezza ma di protezione civile”. Il comando provinciale dei Vigili del Fuoco fa chiarezza sulla natura dei problemi e le responsabilità di gestione dei disagi causati dall’invasione di Tir, moltissimi con targa straniera, che assediano le aree residenziali e urbanizzate. Il cedimento lungo l’ex provinciale Nola-Caserta (meglio nota come via Cancello) di un campanile (colpito da un fulmine) ma soprattutto gli avvallamenti lungo la carreggiata e le vibrazioni intense prodotte dal  «traffico pesante nelle aree urbane e densamente abitate» è un problema di competenza delle autorità di protezione civile locale. La responsabilità e tutte le decisioni sono demandate agli uffici tecnici e alle polizie municipali di Maddaloni e di San Felice a Cancello.